Sedici anni di reclusione. E’ questa la condanna inflitta a Luigi Preitil’uomo che ha sparato contro 3 carabinieri davanti a Palazzo Chigi, nel giorno dell’insediamento del governo Letta (28 aprile 2013). Nell’agguato rimase gravemente ferito il militare Giuseppe Giangrande. Dopo la sentenza del gup Filippo Steidl l’attentatore ha detto: “Chiedo scusa ai carabinieri feriti,ai loro familiari, alla mia famiglia. Se potessi ancora oggi mi sostituirei al carabiniere Giangrande e mi farei carico della sua sofferenza”. Soddisfatta la figlia del carabiniere, Martina: “Siamo davvero soddisfatti di questa sentenza, sono venuta qui a Roma a sentire con le mie orecchie cosa sarebbe accaduto. Tra poco lo dirò a mio padre, che è a Prato, visto che per il momento non sono riuscita a sentirlo”. Durante la requisitoria del processo per rito abbreviato, il pm Antonella Nespola aveva chiesto una condanna a 18 anni. 

Ma dall’udienza è emerso anche un particolare inquietante. Poco prima che il disoccupato calabrese aprisse il fuoco contro i militari dell’Arma, gli uffici della presidenza del Consiglio ricevettero alcune telefonate anonime il cui senso era: “Dovete aiutare la Calabria, dovete dare soldi alla Calabria”.  Preiti è accusato di tentato omicidio plurimo, porto e detenzione di arma clandestina. L’uomo, che una perizia psichiatrica ha dichiarato capace di intendere e di volere al momento del fatto, ha sempre sostenuto di voler fare un gesto eclatante, legato alla sua condizione di disoccupato, ma di non voler uccidere.

Anche oggi, come a ogni udienza, era presente la figlia del brigadiere, Martina Giangrande. Cinque le parti civili: i tre carabinieri feriti, Giuseppe Giangrande, Francesco Negri e Delio Marco Murighile, il ministero della Difesa e l’Associazione Vittime del dovere.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di via D’Amelio, Boccassini: “Scarantino raccontò da subito fregnacce”

next
Articolo Successivo

Ilva, la Cassazione se la prende con il gip per il sequestro del tesoro dei Riva

next