Tra conferme e novità, comincia una nuova settimana televisiva. Su RaiUno, chiude i battenti la miniserie in sei puntate Un matrimonio, per la regia di Pupi Avati con Micaela Ramazzotti, Valeria Fabrizi, Katia Ricciarelli e un sorprendente Andrea Roncato. Le vicende di una famiglia bolognese attraversano, tra alti e bassi, mezzo secolo di storia italiana. Su Canale5, invece, va in onda la prima puntata della seconda stagione de Il tredicesimo apostolo, con Claudio Gioè e Claudia Pandolfi, serie sovrannaturale made in Italy che esplora un genere certamente non molto consueto nel nostro Paese. Da non perdere, su RaiTre, la nuova puntata di Presa diretta con Riccardo Iacona. Stasera si parlerà di testimoni di giustizia, piccoli grandi eroi italiani abbandonati dalle istituzioni.

Rete4 e La7 ripropongono la sfida del lunedì tra talk show politici: sulla rete Mediaset tocca a Paolo Del Debbio con Quinta Colonna mentre sulla rete di Urbano Cairo, Corrado Formigli conduce Piazzapulita, che ospiterà Vittorio Sgarbi, Carlo Freccero, Simona Bonafè, Roberto Formigoni, Alessandra Sardoni, Umberto Contarello e l’imprenditore Gianluca Brambilla. Chiudono il palinsesto delle reti generaliste Italia1 (Zelig 1, condotto da Davide Paniate, Katia Follesa ed Elisabetta Canalis) e RaiDue, con le inchieste tra scienza e fantascienza di Voyager, condotto da Roberto Giacobbo.

Sul digitale, un evergreen del teatro italiano su Rai5, con Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello, mentre RaiMovie trasmette il western L’ultimo colpo in canna con Glenn Ford e Arthur Kennedy. Su Italia2 va in onda Il sesto senso con Bruce Willis, mentre La5 punta su LOL, commediola francese con Sophie Marceau. Per il ciclo dedicato a Clint Eastwood, Iris trasmette Gli spietati, western del 1992 che ha vinto 4 premi Oscar (tra cui quelli per il miglior film e la migliore regia). Buon cinema anche su Cielo, il canale in chiaro di Sky, con il fantascientifico District 9, piccolo caso cinematografico del 2009, che affronta il classico tema dell’invasione aliena da un punto di vista originale e con molti risvolti politici. Su LaEffe, invece, bel documentario sul pittore Edward Hopper, che con le sue opere ha raccontato nel migliore dei modi le difficoltà dell’individuo nella società americana della prima metà del Novecento.

Sul satellite, serata dedicata alle serie tv su Fox e FoxLife, che trasmettono rispettivamente le nuove puntate in prima tv di The Americans e Nashville. Anche SkyArte, così come LaEffe, dedica la prima serata a Hopper, con il documentario La tela bianca. Per gli amanti dell’NBA, derby da non perdere su SkySport2 tra New York e Brooklyn, in diretta dal Madison Square Garden. Il calcio europeo offre due alternative: FoxSports trasmette il posticipo di Premier League inglese tra West Bromwich ed Everton, mentre su FoxPlus si affrontano Athletic Bilbao e Valladolid, in un incontro valido per la Liga spagnola. Un solo consiglio cinematografico dal satellite: su SkyCinema Classics, Dustin Hoffman nel film Cane di Paglia, per la regia di Sam Peckinpah.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore