Magari userò gabbiani
abusandone, forse
o mare
e perché no, onde
e stelle
non temo l’abuso di stelle
o ancora non escludo
di evocare
parole quali
anima
ghiaia
rossore
erba
ombra
notte
luna
nebbia
anche cingolato
cingolato non sarebbe male.
Cucente?
cucente è forte.
Ti osservo in silenzio
sei bella, cucente, concentrata
io che non l’ho mai imparata
quest’arte antica di aghi e di fili
di crune
di diti punti
di gocce di sangue
di madri e di nonne
tu
che ancora nonna e madre non sei
un poco t’invidio
cucente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Poesia – Sei fastidioso

prev
Articolo Successivo

Bersani, Battiato e la decenza quotidiana della nostra ‘Povera Patria’

next