Io sono un astronauta
tu sei un pianeta
e mi si scassa l’astronave
e ti atterro addosso
salvandomi la pelle.

Hai il blu e il verde
hai la terra e i frutti
hai l’aria buona.

Hai i boschi e le colline
hai la sabbia e i mari e i laghi
hai gli animali liberi e belli e bradi.

Sono fortunato, mi dico
qui si sta bene
ma devo ripartire.

Passano i giorni
io mi rimetto in forze
mangio i tuoi frutti
e bevo la tua acqua
dormo un gran bene.

Poi faccio lunghe passeggiate
mi tuffo in questi laghi scuri
scuri e buoni
e nuoto.

E piano piano aggiusto
il mio corpo
i miei pensieri
e la mia astronave
vola di nuovo
penso che potrei rimanere
ma non lo faccio
salpo
e non so verso dove
e non capisco il perché.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I libri per il 2014, quelli che mi porto da sempre e quelli appena scoperti

next
Articolo Successivo

Libri, ‘L’ombra del sicomoro’: un Grisham nostalgico e innovativo

next