L’Oscar 2013 è andato ad Argo di Ben Affleck, la Palma d’oro è stata assegnata a La Vita di Adele di Abdel Kechiche, il Leone della Mostra di Venezia a Sacro GRA di Gianfranco Rosi, Child’s Pose di Călin Peter Netzer invece ha vinto l’Orso. Ma voi a chi vorreste dare il premio per il miglior film visto nelle sale italiane nel 2013?

Ai lettori del fattoquotidiano.it la possibilità di assegnare l’Oscar del Fatto tra dieci film selezionati dalla redazione tra i molti che ci sono piaciuti. Abbiamo dovuto, per ragioni di “spazio”, lasciare fuori: Her di Spike Jonze, Dallas Buyers Club di Jean-Marc Vallée, Viva la libertà di Roberto Andò, Blue Jasmine di Woody Allen, Gravity di Alfonso Cuaron, Cloud Atlas di Tom Tykwer, Andy Wachowski, Lana Wachowski, Frankenweenie di Tim Burton, Skyfall di Sam MendesWord War Z di Marc Forster, Educazione siberiana di Gabriele Salvatores, The Master di Paul Thomas Anderson … e tanti altri come Still life di Uberto Pasolini. Nei commenti però potrete dire la vostra.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Capri Hollywood, rassegna all’insegna dei diritti umani e di Mandela

prev
Articolo Successivo

La Grande Bellezza, la scaramantica e disincantata corsa verso gli Oscar

next