Il piano d’impresa di Ntv “chiede 68 milioni di riduzione dei costi nel triennio 2014-2016 e spostamento del break even al 2016″. Lo ha scritto il segretario generale della Fit Cisl, Giovanni Luciano in un tweet, definendo il business plan della società “impegnativo”. Il nuovo Piano d’impresa 2014-2016 del gruppo ferroviario di Luca Cordero di Montezemolo sponsorizzato da Intesa Sanpaolo è stato presentato martedì 17 ai sindacati. La società presieduta da Antonello Perricone, l’uomo del buco miliardario in Rcs, ha chiuso il 2012 con perdite per 83 milioni, più del doppio del 2011.

“La situazione non è allarmante, m ase una società sposta il break even dal 2014 al 2016 vuol dire che qualcosa non ha funzionato: è una situazione da guardare con attenzione”, ha detto ancora Luciano, precisando che la Cisl si esprimerà quando ci sarà un quadro più chiaro. “Ci hanno spiegato la necessità di spostare il break even al 2016 perché ha pesato la guerra delle tariffe, unita alla crisi, nonostante l’esplosione dei viaggiatori sul mercato dell’alta velocità”, ha aggiunto. Inoltre, “ci hanno detto che tra banche, fornitori ed efficientamento, devono recuperare 68 milioni. Ci siamo aggiornati a dopo le feste, per approfondire meglio la situazione”, ha concluso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Prestiti a famiglie e imprese giù del 4%. E’ il peggior dato da quattordici anni

prev
Articolo Successivo

Pensioni, allarme Istat: “Mezzo milione di over 50 non ha mai versato contributi”

next