Govinda Hare che risuona nella East London? Possibile grazie all’evento A fortune-teller told me, una serata dedicata alla vita di Tiziano Terzani, in programma martedì 17 al n° 1A di Goldsmiths Row dalle ore 19:00.

L’evento in questione fa parte della raccolta fondi “Un indovino ci disse”, portata avanti da circa un anno dal regista Mario Zanot con lo scopo di realizzare un film sul libro Un indovino mi disse, capolavoro del 1993 che ha segnato una transizione nella carriera e nella vita di Terzani, portandolo ad essere un reporter di guerra ad un cercatore instancabile di pace.

Come è arrivato a Londra l’Indovino? A questa domanda risponde Raffaella Mascia (una delle due promotrici dell’evento assieme a Gloria Aura Bortolini) organizzatrice di eventi che vanta oltre dieci anni di lavoro nello spettacolo e diverse tournée mondiali con compagnie famose quali la Stomp.

“Vista l’internazionalità della figura di ‘TT’, alla raccolta fondi per l’Indovino abbiamo voluto affiancare un evento culturale adattato al pubblico locale. L’evento si terrà in lingua inglese, per non chiudersi solo alla cultura italiana e verrà per la prima volta proiettato Anam il senzanome (ultima intervista a Terzani) con sottotitoli in inglese.”

“In più” conclude l’organizzatrice “la figlia di Terzani, Saskia, che risiede a Londra da anni, ci farà l’onore di essere presente all’evento assieme a Zanot, leggendo dei brani dai libri del padre. Il ricavato dai biglietti d’ingresso (£13 ognuno) verrà totalmente devoluto alla raccolta fondi del film.”

Il plot dell’Indovino è semplice: un anno di viaggio rigorosamente senza aeroplani; il 1993 lungo quanto tutta l’Asia, da percorrere in auto, bicicletta, treno, a dorso di mulo o a piedi con la promessa di fermarsi a cercare un indovino in ogni paese toccato.

Curiosamente – spoiler – nella parte finale di quel libro Londra è presente; Terzani ci si reca per presentare Buonanotte signor Lenin e anche lì troverà un indovino ad aspettarlo. Quasi venti anni dopo, l’evento del Fortune-teller chiude una specie di cerchio che, come tutti i lettori di Terzani sanno, è una figura imprescindibile nella vita dell’autore.

Francesco Mandolini
giornalistamusicista, precario

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ligabue ti voglio bene. E intanto non sbaglia un disco

prev
Articolo Successivo

Beni Culturali: Bray da Fazio, solo parole e un’amministrazione al declino

next