Pippo Civati rimane senza benzina ed è costretto a fare l’autostop per arrivare all’appuntamento di chiusura della sua campagna elettorale. La disavventura è avvenuta vicino a Oristano, quando il serbatoio della Fiat Punto guidata da Thomas Castangia, coordinatore della campagna elettorale per la Sardegna, è rimasto a secco. L’annuncio è stato accolto con risate e applausi da una platea di oltre 400 persone presenti al comizio finale all’ex stazione marittima di Cagliari. A raccontare il rocambolesco viaggio, sono stati gli stessi organizzatori dell’evento rilanciando, via maxi schermo, un tweet.

Questa mattina, appena arrivato in Sardegna, Civati aveva parlato proprio delle poche risorse che ha voluto impiegare per la sua campagna, “alla Papa Bergoglio“. Ma sulla strada statale 131 Carlo Felice è stato tradito dalla benzina. Dopo aver fatto l’autostop è stato raccolto da due automobilisti e si è potuto così rimettere in viaggio verso Cagliari, dove avrebbe dovuto parlare alle 18:30.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Primarie Pd, e se alla fine vincesse Pippo Civati?

prev
Articolo Successivo

Primarie Pd, sicuri che con Renzi si vince?

next