Michele Santoro apre la nuova puntata di Servizio Pubblico, affrontando inevitabilmente la decadenza di Berlusconi e calandosi nei panni di un elettore di centrodestra. E menziona lo scandalo rimborsi in Regione Piemonte , la legge Severino e Checco Zalone. Rivolgendosi al Cavaliere, chiede: “Ti immagini Kennedy che grida al golpe per il comma sul voto segreto? Sei ostaggio dei tuoi avvocati, ma io non ti tradirò, lavorerò, dormirò e se potrò voterò senza te che mi dici di combattere quando hai votato il governo Letta con Dudù e la Pascale sul divano”. E aggiunge: “Fai male a spingere alla crisi perché ci penseranno Napolitano e Letta a toglierci di torno quel rompicoglioni di Renzi ed anziché chiedere elezioni subito ti conviene aspettare. Io e te siamo come Via Col Vento, tu come Clark Gable ed io sono come Rossella O’Hara che aspetta l’uomo forte che verrà”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brunetta dopo colloquio al Colle: ‘Letta si dimetta’. E si arrabbia col cronista del Fatto

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Silvio, i militanti di Forza Italia e l’aggressione subita da Bertazzoni

next