Al vaglio dei pm di Bologna che indagano sui rimborsi dei gruppi consiliari della Regione Emilia Romagna ci sono anche le spese telefoniche, abbonamenti e ricariche che i consiglieri hanno messo a rimborso. Secondo quello che si apprende ci sarebbero anche ricariche – come scritto oggi dal Resto del Carlino – a utenze diverse da quelle dei consiglieri. Secondo la ricostruzione del quotidiano di Bologna, sarebbero centinaia le ricariche fatte a numeri che non avrebbero potuto godere del rimborso. Tra questi risultano collaboratori, persone vicine ai partiti e anche qualche giornalista.

Per questo genere di spese complessive e non necessariamente illecite, il Pd ha segnato in 19 mesi (il periodo su cui si concentrano le indagini della Gdf, da giugno 2010 a dicembre 2011) rimborsi per 91mila euro; gli altri gruppi di cui si conoscono le cifre sono il Pdl (21.000 euro), l’Udc (11.000 euro) e il M5S (5.500 euro). All’interno delle diverse formazioni ci sono anche consiglieri che avrebbero a proprio carico cifre rilevanti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Volano Virtus e Fortitudo, Bologna torna “Basket City”: “La città ha fame di sport”

next
Articolo Successivo

Lega, la pasionaria dei “rottamatori”: “L’era di Bossi è finita. Grillo? Mi piace”

next