“Zia, tu che scrivi di sesso dovresti saperlo!”. È la mia nipotina che parla e quella che dovrebbe saperlo sono io. Ed invece, a 30 anni suonati (vabbè 34) e grazie a una ragazzina di 11 anni, ho scoperto il sex back” dei cartoni animati. Magari voi già lo sapete e io sono l’unica addormentata: i cartoon giapponesi sono stati epurati dalle scene di sesso per non turbare le bambine italiane (me compresa). Vi ricordate quelle santarelline di Kiss me Licia e George? Beh, tanto sante non erano. Ecco cosa non ci hanno fatto vedere:

Kiss Me Licia. Avete notato che Licia nella sigla è prima bionda e poi mora? C’è un motivo: la bionda faceva da voce narrante nel cartone originale; in pratica, prima o durante la puntata, dava consigli sul sesso. Di solito, interveniva nelle scene clou per spiegare ai bambini cosa stessero “facendo” i personaggi. In Italia è stata cancellata con un colpo di Chiesa, ops di spugna. E, ovviamente, sono state cancellate le scene di sesso tra Licia e Mirko, e udite udite, tra Satomi e Shiller: in effetti, che fossero gay, ci si poteva arrivare. Ora, immaginate cosa sarebbe minimamente successo se negli ottanta un cartone animato avesse avuto tra i personaggi una coppia gay, con scene di sesso omo. Come minimo, un cataclisma ci avrebbe sterminato!

Georgie. La storia originale del manga è un tantino più pepata di come l’abbiamo vista noi. L’amore tra Georgie e Arthur viene consumato, eccome. Hanno anche un figlio. E poi, vi ricordate quando Arthur viene tenuto in prigione da un affascinante conte un po’ ambiguo? Ecco, io non avevo capito: non era ambiguo ma gay. Che dire di Lowel? Cornuto e mazziato, ma pure lui ha avuto i suoi momenti di piacere con la biondona australiana che sì, correva felice sui prati, ma sull’erba faceva anche altro… Domanda: se fossimo cresciute col mito di Georgie non come bambina sfigata, ma come una che la dà a destra e a manca, oggi ci sarebbero meno donne frustrate in giro? Boh.

Sailor Moon. Il sesso non risparmia nemmeno i cartoni della nuova generazione (e vorrei ben vedere). Sailor Moon è un mondo lesbo: le guerriere Sailor Star Light da uomini si trasformano in donne guerriere e lì vai con le orge. Ten’ō e Michiru Kaiō non sono grandi amiche (come le fanciulle più ingenue credono) ma sono due lesbiche. Dirò di più: sono da sempre considerate uno dei massimi esempi di coppia omosessuale femminile dagli appassionati del genere. In Giappone. In Italia il massimo esempio di coppia omosessuale sono Cip e Ciop (forse). Gli italiani, insomma, sono un popolo di perbenisti. Guai a mettere scene di sesso nei cartoni, non vorremo turbare i nostri pargoli? Mamma e papà, però, si fanno fare una spugna sul modello di Spongebob. Per fare il bagnetto? Macché, per fare autoerotismo. Horribilis!

Vieni a trovarmi anche sul  mio sito e sulla mia pagina facebook

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nelle cucine dei Benedettini, viaggio tra i sapori dell’enogastronomia catanese

next
Articolo Successivo

“Ilterzopiano”, la creatività made in Italy si mette in Rete

next