Quando ho letto la notizia della consegna del premio ‘Tartufo d’oroa Lucia Annibali – la donna sfigurata dall’ex compagno ad aprile scorsosono rimasta turbata. Ho condiviso il sentimento di Loredana Lipperini che ne ha scritto sul suo blog  con molta delicatezza perché Lucia ha accettato il premio e i suoi sentimenti vanno rispettati.

Ma ci sono riflessioni che è doveroso fare. I fatti sono questi: il Comune di Sant’Angelo in Vado – in provincia di Pesaro e Urbino – e la commissione per le Pari opportunità delle Marche hanno scelto di assegnare il premio a Lucia, durante la annuale festa del tartufo. Lo stesso premio è stato consegnato  negli anni scorsi a  personalità dello spettacolo, della cultura e della ricerca dando all’evento una connotazione mondana e festaiola.  Mi domando se una festa o una sagra possano essere contesti nei quali sensibilizzare su un  problema grave come la violenza contro le donne, e se sia il caso di parlare del problema riferendosi a una specifica vicenda.  

Il femminicidio è un tema spesso scippato a dispetto o in dispregio della sacrosanta denuncia fatta  dal movimento delle donne, dai centri antiviolenza e da tutti coloro che sono interessati a trovare soluzioni al problema. Di femmincidio si  parla molto: attira reazioni di pancia, cattura l’attenzione, crea movimenti di opinione e riflessioni. Il corpo delle donne è terreno fertile per scelte demagogiche come dimostra la recente legge sul femminicidio che è stata  una grande operazione di marketing per ridare credibilità a un governo che aveva un bassissimo consenso.

L’uso strumentale del femminicidio quando diventa uno slogan ed è svuotato di senso o diventa un cavallo di battaglia per i giochi al massacro sui corpi delle donne,  può diventare una vittimizzazione secondaria delle donne. La peggiore. Le referenti della commissione delle Pari opportunità marchigiana già incalzate da una petizione online per fare rimuovere da Ancona l’orribile statua “Violata”, non riescono a comprendere che le loro scelte suscitino più di un dubbio? Pari opportunità o basso opportunismo?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quanto vale la vita di una donna? I dati del femminicidio (1)

next
Articolo Successivo

Premio a donna vittima di violenza, un appello (con tariffe)

next