I lavoratori delle banche annunciano uno sciopero unitario, a 13 anni dall’ultima protesta. A Milano i bancari hanno occupato piazza Affari con striscioni e fischietti e puntato il dito contro i banchieri “dagli stipendi milionari” e contro la “finanza che ha cambiato il mondo delle banche”. Qualcuno accenna timidamente anche “Bella Ciao”. Sette sigle sindacali (Dircredito, Fabi, Fiba, Fisac, Sinfub, Ugl, Uilca) organizzeranno la mobilitazione di domani in tutta Italia contro la decisione dell’Abi di disdire il contratto collettivo nazionale. E nel giorno in cui il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano invita le banche a sostenere la ripresa economica, ribadiscono: “Bisogna riaprire i rubinetti del credito alle piccole e medie imprese per uscire dalla crisi”  di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Banche, ora per Visco non hanno più bisogno di ricapitalizzarsi

prev
Articolo Successivo

Saccomanni: ‘Mai parlato di limiti sul contante, ma più pagamenti elettronici’

next