Stefano Fassina pronto ad abbandonare l’incarico di viceministro dell’Economia. Il deputato del Pd, secondo quanto si apprende, avrebbe scritto una lettera alla presidenza del Consiglio. Non un vero e proprio annuncio di un passo indietro, ma una missiva di protesta nella quale il numero due del Tesoro lamenta il fatto di aver chiesto più volte la documentazione relativa alla Legge di stabilità e di non averla mai ricevuta.

Il viceministro di via XX Settembre avrebbe chiesto anche di essere coinvolto nella stesura del provvedimento di bilancio e anche in questo caso, secondo la sua visione dei fatti, non avrebbe avuto nessun riscontro da palazzo Chigi. Il deputato Pd aspetterebbe quindi il rientro da Washington di Enrico Letta per avere un chiarimento direttamente dal presidente del Consiglio prima di formalizzare la sua decisione.

“Credo lamenti un difetto di collegialità. E credo abbia regione”, ha commentato il segretario del Pd, Guglielmo Epifani. Tutt’altro che solidali appaiono le voci di alcuni compagni di partito. “Viviamo ore di angoscia per le voci incontrollate sulle possibili dimissioni del ministro Fassina. Temo che il Nasdaq stia per crollare. Forse, però, il diretto interessato dovrebbe chiarire questa incresciosa situazione. Dunque, quando vuole, anche con un tweet, ci faccia sapere come stanno le cose”, scherza Ernesto Carbone, deputato Pd vicino a Matteo Renzi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scelta Civica, Monti si dimette da presidente: “Undici senatori contro di me”

prev
Articolo Successivo

Camusso: “Legge stabilità? Governicchio. Comanda ancora Berlusconi”

next