Il pubblico televisivo, nonostante tutto, è meno sprovveduto di quanto pensiamo. L’ennesima conferma è arrivata stamattina, con i dati Auditel relativi a ieri: RadioBelva, il nuovo talk/antitalk di Cruciani e Parenzo su Retequattro, ha ottenuto un misero 2,79% di share (670mila spettatori).

Il programma è il trionfo del trash, un raduno di freak di vario genere messi insieme dai signori della caciara Cruciani & Parenzo. Era il bar di Guerre Stellari: Emilio Fede inviato speciale, Mario Borghezio, Roberto Fiore di Forza Nuova, Annarella, Alba Parietti, Paolo Villaggio, Vittorio Sgarbi e Cicciolina: il sogno di una Barbara D’Urso qualsiasi si è materializzato nello studio di RadioBelva, tentando di riproporre in televisione il format “monnezzaro” de La Zanzara. Il risultato è stato a tratti imbarazzante, con tanto di turpiloquio e consueta sceneggiata di Vittorio Sgarbi.

Giuseppe Cruciani gioca a fare il Funari, ma nella sua ostentata indignazione non c’è nulla di autentico. Sembra tutto finto, costruito a tavolino, organizzato nei minimi dettagli per scandalizzare e irritare. Parenzo, paradossalmente, è più efficace qui che nella sfortunata esperienza estiva de La guerra dei mondi su RaiTre, ma nemmeno lui si salva dalla deriva trash-populista. E poi il programma non ha né capo né coda, è tutto confuso, urlato.

Per vent’anni, certi ambienti hanno riproposto la stantìa polemica dell’egemonia della sinistra nei talk show televisivi. Ebbene, se l’alternativa è RadioBelva, se il massimo che sa fare televisivamente la “cultura” non di sinistra, allora preferiamo annoiarci con Fabio Fazio e Giovanni Floris tutta la vita.

Nota a margine: c’è chi ha scomodato nientemeno che Renzo Arbore e Quelli della notte per commentare la performance di Cruciani & Parenzo. Ci sembra evidente che non è il caso nemmeno di prendere in considerazione l’accostamento, sperando che Arbore sia clemente e ci perdoni. Tutti. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nobel Letteratura 2013 ad Alice Munro, “maestra del racconto contemporaneo”

next
Articolo Successivo

Nobel della letteratura ad Alice Munro, la regina del non detto

next