“Propongo all’assemblea la data dell’8 dicembre per il congresso“. Lo ha Guglielmo Epifani al termine del suo intervento all’assemblea. Un annuncio che non ha placato le tensioni sulle regole proseguite per tutta la seduta (anche perché, nella giornata di oggi, comunque, non si arriverà ad alcuna decisione certa): “Avremmo già dovuto fare il congresso, non ci sono regole, i delegati non possono discutere di niente. Arriverà una relazione senza dibattito. Discutiamo solo domattina su quello che ci diranno. Mi sembra una cosa a tratti scandalosa e stupida“. Lo dice il deputato Pippo Civati in un’intervista a Globalist.it: “In un momento di disorientamento totale – aggiunge Civati – in cui la linea la dà il video di Berlusconi, vorrei sapere se si può discutere così, se il partito ha ancora un legame con elettori e dirigenti, perché l’assemblea è appunto composta da dirigenti, o se facciamo altro. Il dibattito sulla data è incredibile”. Il congresso, secondo Civati, “prima si tiene e meglio è” e “resta incredibile che ne discutono da tre mesi”. Quindi, sulle primarie osserva: “Siano aperte a tutti senza stare a pensare che poi ci siano infiltrati della destra e se andiamo avanti così altro che quelli di destra, non ci viene più nessuno a votare alle primarie”. Segui la diretta streaming dell’assemblea: 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Matteo, ma è questo il meglio che abbiamo?

prev
Articolo Successivo

Corruzione, solo i cittadini possono risanare lo Stato: l’unica strada possibile

next