In un mercato sempre più frenetico, nonostante le vendite languiscano, far passare cinque anni nella pubblicazione tra un disco e l’altro può esser considerato deleterio, per ovvie ragioni. Non è dello stesso avviso una antistar del calibro di Trent Reznor, leader della band Industrial Nine Inch Nails e icona di un genere, oltreché di un intero movimento musicale: “Ho fondato i NIN perché sentivo di avere qualcosa da dire, non l’ho fatto per diventare ricco né tantomeno famoso – aveva affermato qualche tempo fa –. Preferisco trascorrere il mio tempo in maniera creativa, piuttosto che starmene seduto su un tourbus, che diventa un enorme salvadanaio”.

Esce a distanza di un lustro Hesitation Marks, il nuovo lavoro in studio della band statunitense che con tre dischi all’attivo, un Ep, tre album di remix e un live ufficiale, ormai si identifica essenzialmente nella figura del suo frontman. Lui, ex enfant prodige del pianoforte, da sempre dotato di una spiccata attitudine Pop, probabilmente è grazie alla sua soggettività prometeica, a quel suo essere ribelle e sempre controcorrente che è riuscito laddove molti altri hanno fallito: rendere l’Industrial un genere orecchiabile, miscelando elementi di Hardcore, Rock, Metal e Avanguardia. The Downward Spiral (1994), concepito negli anni della maturazione, è il disco che ha messo in risalto tutto il suo talento: qui Reznor dimostra di saper comporre, arrangiare, produrre. Ma, soprattutto, si rivela un ottimo polistrumentista con una voce dal timbro unico.

A quasi vent’anni, con Hesitation Marks – un tripudio di elettronica con tappeti ritmici ipnotici, dove la voce di Trent si sopraeleva su tutto quel caos elettronico – Reznor dimostra che la sua ricerca in ambito musicale non si è mai arrestata: la band è cambiata, certo, e lui, oramai, fa quasi tutto da solo, supportato dall’amico bolognese Alessandro Contini, da Adrian Belew dei King Crimson e Linsdey Buckingham alle chitarre, i componenti della line up ufficiale per le performance dal vivo.

Copy Of A è il singolo che ha anticipato l’uscita dell’album, forse il brano più bello di questo disco composto da 17 tracce. Il testo è di natura filosofica: acquisita la consapevolezza di vivere in un mondo sempre più uniforme, dove l’incedere irrefrenabile e infernale della tecnica si impone sulla natura stessa dell’uomo, questo pare essersi ormai arreso, rassegnato ai propri limiti e alle proprie mancanze. In definitiva, Hesitation Marks,  è un buon lavoro, certamente non straordinario e di questo ne è cosciente anche lo stesso Trent. Ma rimane sempre su alti livelli, questo è certo e un ascolto lo merita senz’altro. 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prize Day, nuovi suoni in ‘War Zone’ aspettando l’album

next
Articolo Successivo

In Utero, celebrazioni di un ventennale firmato Nirvana

next