“Avrei certamente rifiutato la mia candidatura a senatore a vita e il motivo è semplice: non potrei tornare a vivere le angherie, le furberie, i trucchi e tutto quello che è indegno quando si pensa alla politica e che ha vissuto nella sua esperienza Franca”. Così il premio Nobel Dario Fo ha risposto dal palco della Versiliana dove si sta svolgendo la tre giorni di festa del Fatto Quotidiano, in merito al post pubblicato questa mattina da Beppe Grillo che ha chiesto “perché non è stato candidato Dario Fo come senatore a vita?”. Fo ha anche spiegato che “entro poche settimane uscirà un libro postumo di Franca Rame in cui racconta la sua esperienza da senatrice (nelle elezioni politiche del 2006 fu eletta per l’Italia dei Valori ma si dimise due anni più tardi, ndr). Franca – ha detto Fo – non sarebbe potuta restare in un ambiente dove l’unico scopo era raggiungere la sicurezza della pensione, senza nessuna mancanza di correttezza. E dopo questo volete che io torni a vivere di nuovo questa follia vissuta da Franca?”, ha concluso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Versiliana 2013, rivedi l’intervista a Giovanni Lindo Ferretti

prev
Articolo Successivo

Versiliana 2013, l’intervista di Travaglio ad Aldo Busi. 1a parte

next