Gli italiani vanno sempre meno in vacanza e il settore del turismo sopravvive grazie a chi viene dall’estero. Per la prima volta nella storia moderna delle rilevazioni statistiche negli alberghi del Bel Paese hanno soggiornato più clienti stranieri (50,3%) che italiani (49,7%). Il dato, pubblicato da Federalberghi, riguarda il periodo da gennaio ad agosto. “E’ un risultato storico”, ha commentato il presidente della federazione, Bernabò Bocca.

“L’andamento del turismo alberghiero italiano da giugno ad agosto di quest’anno (rispetto allo stesso periodo del 2012) conferma il punto di frenata della crisi riscontrato in via previsionale ad inizio estate per l’intero settore”, ha spiegato, “pur lasciando sul campo perdite di fatturato e diminuzione di occupati“.

A pesare sui ricavi degli albergatori è proprio il difficile momento economico. Se la componente straniera ha infatti salire le presenze dei turisti negli alberghi italiani, per l’intero 2013 si prevede un netto calo sia del fatturato che del numero di occupati del settore. “L’andamento del turismo alberghiero italiano da giugno ad agosto di quest’anno, – afferma Bocca – rispetto allo stesso periodo del 2012, conferma il punto di frenata della crisi, riscontrato in via previsionale ad inizio estate per l’intero settore, pur lasciando sul campo perdite di fatturato e diminuzione di occupati”.

Bocca ha precisato che “a fronte comunque del complessivo incremento di pernottamenti il giro d’affari anche nel 2013 subirà una flessione quantificabile al momento almeno in un -8%, in diretta conseguenza della flessione generalizzata dei prezzi, politica tariffaria obbligata dalla congiuntura mondiale. Altra nota dolente riguarda il calo di occupati che vede da gennaio ad agosto un -4,5% di lavoratori, di cui un -5,1% a tempo indeterminato ed un -4% a tempo determinato“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pressione fiscale, Cgia Mestre: “E’ record” quasi 12mila euro per ogni italiano

prev
Articolo Successivo

Tra finanza e politica, lo yacht “offshore” di Fantoni per Fassino e Bazoli

next