Prima di inoltrarsi nelle specifiche del concerto mi si permetta un appunto: per parcheggiare antistante al Forum di Assago occorrono sei euro. Al parcheggiatore è stato fatto presente che la cifra in questione è senza mezzi termini “una vera ladrata”! Ebbene, il tipo – senza scomporsi minimamente – ha risposto di andare a reclamare in Comune. Qualcuno faccia allora pervenire Questa Mia negli uffici milanesi, perché tali cifre non sono accettabili; saranno pur “pochi euro” ma sono certamente sufficienti per far sì che la sensazione fastidiosa di esser stati rapinati non passi nemmeno dopo aver bevuto la prima birra.

A sgomberare il campo dagli equivoci ci pensano però i Tomahawk. La curiosità per una delle tante incarnazioni di Mike Patton è alta, tanto che trenta minuti di set bastano per ripagare pienamente le attese, al contempo alimentare il rimpianto di non aver mai visto on stage i Faith no More.

Nine Inch Nails - MilanoIl palco subito dopo la performance si presenta privo di qualsiasi strumentazione, un telo nero ne copre giusto il fondo mentre luci a giorno evidenziano numerosi buchi in platea. Siamo lontani dal sold out anche se, a occhio e croce, cinque/seimila persone paiono esserci.

Quello che non ti aspetti avviene pochi minuti dopo, quando a comparire – in piena luce – è lo stesso Trent Reznor, il quale guadagnando il centro del palco comincia ad armeggiare con una piccola consolle generando un suono composito e graduale. Pubblico ovviamente in visibilio, il groove progressivo di Copy of A accompagna il work in progress di una scenografia letteralmente da costruire.

È quello che succede in Stop Making Sense, avete presente? I Talking Heads entrano in rapida successione sul palco disadorno componendo gradualmente la scena. Cambiano tempi, modalità ma la situazione è … medesima e quando le luci finalmente lasciano spazio all’oscurità … lo spettacolo pare realmente iniziare.

La band dopo l’ouverture entusiasmante “si eleva”, rimanendo tuttavia “gelidamente allineata e perpendicolare” agli spettatori.

È quello che succede in Minimum Maximum, avete presente? I Kraftwerk – a fronte del pubblico – paiono macchine esteticamente concepite per rinnegare anima e cuore. Idem come sopra! Cambiano tempi, modalità ma la situazione è … medesima e quando compaiono sul fondo i pannelli luminosi … la scenografia, virata nei toni lugubri di un fantasmagorico gioco di ombre, pare andare a regime.

Inoltrarsi nella scaletta non lascia indifferenti: ventiquattro/venticinque canzoni, alcune delle quali sconvolgono, altre entusiasmano, certune invece, mantengono vivo – come è lecito che sia –  il rimpianto di ciò che non si è ascoltato (Reptile); ad ogni modo … Niente è lasciato al caso.

Reznor – nella sua più che ventennale carriera – ha sondato l’insondabile, colmato l’incolmabile e ora ritorna con un nuovo disco e un tour che lo riporta – a quanto pare – ai fasti di un tempo.

In effetti, la voce mostrata in serata è direttamente proporzionale alla forma fisica debordante: salta, urla, si lancia, si piega … al punto che nemmeno l’ombra pare riuscire a contenerne il passo. La Band “suona preciso” ma è chiaro che è lui – e soltanto lui – a fare la differenza.

A luci nuovamente accese, sorprende piacevolmente scorgere i volti unanimemente soddisfatti di un pubblico oscillante “tra i venti e i cinquanta”.

Guadagnare a quel punto l’uscita, significa ricongiungersi … con la propria ombra! Non prima di aver acquistato la T-shirt della serata. Perché concerti come questi, oltrechè stampati nella mente e nel cuore, occorre portarseli addosso.

 

9 canzoni 9 … alla ricerca dell’ ombra perduta

Lato A

Warszawa • David Bowie

Das Model • Kraftwerk

Me! I Disconnect From You • Gary Numan

Sex Dwarf • Soft Cell

Lato B

Copy of A • Nine Inch Nails

IPC • Light Asylum

Hot Ride • Prodigy ft Juliette Lewis

Eisbar • Grauzone

#TNG • The Next Generetors

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Megadeth, il nuovo ‘Super Collider’ è un favore ai Metallica

next
Articolo Successivo

Musica nelle scuole: la Cinderella delle arti

next