O sono creduloni. O ne sanno una più del diavolo, o almeno di noi. Perché la stampa estera vive l’attesa della sentenza della Cassazione sul caso Mediaset con tutti i crismi di un vero e proprio “atto finale” per il Cavaliere – è il titolo di Der Spiegel -, mentre per il Financial Times “la classe politica italiana ha raramente vissuto uno stato di suspense analogo”.

Ora, la notazione dell’FT è probabilmente vera, perché la fibrillazione è forte. Ma la percezione dello Spiegel appare più un auspicio che un dato di fatto. Anche perché, in Italia, gli “atti finali” non si recitano (quasi) mai… E, poi, a dirvi la verità, un po’ mi dispiacerebbe se l’ultima scena della sit-com del Berlusconi politico fosse recitata in un’aula di giustizia (e non sul palcoscenico d’un’elezione).

Il fatto è che i media stranieri sono meno ‘scafati’ di quelli nostrani, e di noi stessi, davanti all’italica capacità di evitare il ‘redde rationem’ tramite il rinvio, il cavillo, l’artifizio, il papocchio.

Il settimanale tedesco non conosce mezze misure: “Berlusconi –osserva- rischia per la prima volta una condanna definitiva”. E aggiunge: “Il Cavaliere trema e il governo è nervoso, perché il verdetto potrebbe sfasciarlo”.

Riferendosi all’intervista di ieri a Libero, ampiamente rilanciata all’estero, lo Spiegel afferma che Berlusconi sta provando il ruolo del martire –sono innocente, ma “se condannato andrò in galera”, cosa che, del resto, non rischia-. Il Times, invece, parla di “atteggiamento di sfida”, mentre molti media anglosassoni rilevano che il Cavaliere ha abbassato il tono degli attacchi alla magistratura, forse perché ora deve fare i conti con le toghe supreme.

Nell’attesa del verdetto, sempre che arrivi oggi, non c’è quasi testata estera che non ci spenda un titolo: The Guardian, “L’interdizione dai pubblici uffici potrebbe porre fine alla carriera politica d’un uomo che, nel bene e nel male, svolge ancora un ruolo influente nel suo Paese”; Le Monde, “Berlusconi davanti alla Cassazione, la scadenza avvelena il clima politico”; Le Figaro, “A Roma va in scena una pièce gravida di conseguenze” per “gli equilibri della fragile coalizione e la durata della legislatura”; WSJ, “sentenza minaccia l’esile maggioranza”; WP, “ultime speranze” di Mr B nel “giorno del giudizio”.

Libération ci mette un po’ d’ironia: “Bustarelle invano”, è il titolo della storia di copertina dedicata a Berlusconi. Come la trama di una fiction: nonostante gli intrallazzi, l’ex premier è condannato e vede crollare il suo impero mediatico crollare. Dove realtà e sogno, cronaca e fantasia s’intersecano. O no? Aspettiamo la sentenza e –forse- lo sapremo.

 

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Il Mali e il surreale ruolo della Corte Penale Internazionale

next
Articolo Successivo

Incidente treno Santiago, “Il macchinista era al telefono. Frenò in ritardo”

next