Era al telefono e frenò in ritardo. Emergono nuovi elementi su Francisco José Garzón Amo, il macchinista responsabile del deragliamento a Santiago che ha provocato la morte di 79 persone. Tra le vittime anche un ragazzo italiano. È Dario Lombardo, 25 anni, messinese e residente in Germania, di cui oggi si sono celebrati i funerali a Forza D’Agrò. Quando Garzòn azionò il freno, il convoglio andava a 192 chilometri orari e al momento dell’impatto a 152. E’ quanto riportano alcuni media sulla base dei primi esami delle scatole nere fatti dall’autorità giudiziaria.

Il macchinista, accusato di omicidio plurimo per ‘imprudenza’, secondo le prime indiscrezioni aveva consultato poco prima del deragliamento una cartina; poi avrebbe avuto una telefonata con i tecnici della società ferroviaria Renfe, forse per discutere dei piani di viaggio. Il freno fu azionato una manciata di secondi prima dell’impatto, troppo pochi per ridurre la velocità e portarla sui livelli di sicurezza. Nella curva A Grandeira di Arois, luogo dell’incidente, il limite è di 80 chilometri orari, ma alcuni tecnici interpellati dai media nei giorni successivi al deragliamento, hanno sostenuto che è strutturata in modo da garantire la stabilità del treno fino a un 50 per cento oltre il limite.

”Non ci sono parole, possiamo soltanto esprimere vicinanza solidarietà e affetto”, ha detto l’arcivescovo di Messina, Calogero la Piana, prima di celebrare oggi la messa per i funerali di Lombardo. “C’è il dono della fede che aiuta – ha aggiunto entrando nella chiesa Maria Santissima Assunta e Annunziata – e anche il ricordo delle positività che ci lascia Dario. La sua giovialità, la voglia di vivere e di affermarsi e il suo sorriso. È una testimonianza bella che ci aiuta a vivere in maniera meno drammatica questa vicenda”. Ai funerali partecipano centinaia di persone che seguono la funzione religiosa con grande commozione ma in religioso silenzio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sentenza Mediaset. Visti dagli Altri: Berlusconi, l’attesa (ingenua?) dell’atto finale

prev
Articolo Successivo

Arabia Saudita, direttore sito web condannato a sette anni e 600 frustate

next