Il gruppo del Movimento 5 Stelle del Senato chiede l’istituzione di “una Commissione parlamentare d’inchiesta per accertare le cause e le eventuali responsabilità civili, penali e politiche sugli scandali del Banco di Desio e della Brianza, oltre che sulle società affiliate Banco Desio Lazio, Credito Privato Commerciale, Brianfid Lux”. La proposta ha come prima firmataria Maria Mussini.

 

Il Movimento 5 Stelle auspica inoltre che in questa nuova legislatura, “si giunga all’approvazione di una riforma della disciplina delle autorità di controllo”.  Nel presentare la proposta d’istituzione della Commissione d’inchiesta parlamentare, Maria Mussini ricostruisce le vicende degli ultimi anni e ricorda come “grande attenzione avrebbero dovuto avere organi quali Banca d’Italia e Consob, quando la controllante Banco di Desio e della Brianza spa, attraverso alcune complesse architetture finanziarie, a partire dal 2001, decise di espandere la propria attività in Lussemburgo e in Svizzera”.  

La richiedente sottolinea inoltre come “troppe sono state le anomalie e le irritualità emerse e troppo grande è la differenza di giudizio tra gli Inquirenti del GICO di Roma e la Procura di Roma sulla portata e sulla gravità del coinvolgimento della Capo Gruppo e dei vertici di Banco di Desio e della Brianza S.p.A. nelle attività criminose già accertate”. Il Movimento 5 Stelle, poi, chiede che l’indagini accerti “le eventuali responsabilità degli organi deputati alla vigilanza come Banca d’Italia e Consob” e per questo chiede di convocare in audizione anche gli organi di controllo della Svizzera (Finma) e del Lussemburgo (Cssf) che “hanno tutt’ora all’attivo indagini sulle aziende controllate dal gruppo Banco Desio”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità lombarda, Milano dà sei mesi di tregua alle banche creditrici di Ligresti

next
Articolo Successivo

Gas dall’Azerbaijan all’Italia: via libera al Tap, Nabucco bocciato. Il ruolo greco

next