“Buffone, buffone! Vai via!”. Il sindaco Federico Pizzarotti cerca il dialogo con la piazza che a Parma protesta contro l’inceneritore, ma viene cacciato dopo qualche minuto dalla folla che gli grida contro. Il sindaco si era fatto dare la maglia con la scritta “No Inceneritore” e si era fatto strada in mezzo a centinaia di manifestanti per provare a confrontarsi con i rappresentanti dell’Assemblea permanente no inceneritore che da mesi chiedevano un segnale al sindaco. Il gruppo aveva fatto un blitz anche durante il consiglio comunale, prima di essere allontanati dalla polizia municipale. “Mantieni le tue promesse” hanno gridato gli attivisti al primo cittadino Cinque stelle, che senza perdere la calma ha cominciato a rispondere ai manifestanti, parlando con i rappresentanti accompagnato da un assessore e da un consigliere comunale. “Non ho mai detto che avrei fermato l’inceneritore”, ha risposto il sindaco, “e comunque questo non è il modo di farlo. Non servono i proclami e le accuse, voi purtroppo non avete capito la distinzione tra protesta e proposta. Noi comunque siamo contro l’inceneritore e lo saremo sempre, solo che ognuno segue la propria strada e il proprio modo”. Il sindaco ribatte, ma è un muro contro muro: “Avete strumentalizzato Grillo per vincere le elezioni e ora non mantenete le vostre promesse, siete diventati come gli altri”  di Silvia Bia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mario Mantovani si attarda nel Paese dei doppi incarichi. E l’“amico” Alfano si fa desiderare

prev
Articolo Successivo

Boccia: “Correnti nel Pd? Tutta roba che sparirà con il Congresso”

next