Vittorio Bertola, il capogruppo del Movimento 5 Stelle in consiglio comunale a Torino ha pubblicato sul suo blog un post in cui racconta la storia della sua esperienza nel Movimento 5 Stelle in cui ripropone i 15 punti per far ripartire il Movimento 5 Stelle

Eccoli riassunti: possono essere uno spunto di autoanalisi del futuro del M5S.

1. Se gli elettori non ti votano, non puoi dare la colpa a loro.
2. L’astensione è un messaggio anche per te. 
3. L’elettore medio non è l’attivista medio.
4. Meglio una sola ottima proposta che cento buone proposte. 
5. Parla di sostanza e non di procedure. 
6. Più speranza, meno denuncia.
7. Meno paranoia, più tolleranza.
8. Uno vale uno non vuol dire che uno vale l’altro. 
9. Meno dogmi, più merito.
10. Il rispetto, la pacatezza e la buona educazione non sono brutte cose. 
11. Se vuoi il mandato per governare il Paese, devi essere credibile per governare il Paese. 
12. La mancanza di struttura non implica la disorganizzazione. 
13. A domanda rispondo. 
14. Non può sempre essere colpa degli altri. 
15. Non perderti d’animo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

I referendum compiono due anni. Storia di un tradimento

next
Articolo Successivo

Mario Mantovani si attarda nel Paese dei doppi incarichi. E l’“amico” Alfano si fa desiderare

next