Ha reagito a un insulto ed è stato ucciso. Vittima dell’aggressione è un giovane ingegnere italiano, accoltellato a Monaco di Baviera per avere risposto allo sputo di uno sconosciuto contro la sua ragazza. Originario di Potenza, Domenico Lorusso aveva 31 anni ed era residente in Germania. A confermare l’omicidio il console italiano del capoluogo bavarese, Filippo Scammacca del Murgo, che ha espresso il cordoglio della comunità italiana per questa drammatica morte. Sul caso indaga la polizia del Land del sud, da ieri a caccia dell’aggressore, che intorno alle 22, incrociando i due fidanzati in bicicletta lungo la ciclabile che costeggia l’Isar, all’altezza dei Erhardstrasse, ha sputato contro la donna, una ragazza di 28 anni.

Domenico voleva difenderla, e ha fatto retromarcia per fermare lo sconosciuto e chiedergli spiegazioni del gesto. Da lì lo scontro, sfociato nel delitto. L’aggressore è un uomo probabilmente sui 35 anni, che ha tirato fuori un coltello e ha colpito l’ingegnere potentino. Secondo la Bayrische Rundfunk fatale sarebbe stata una coltellata al cuore. L’omicida, ora ricercato dalla polizia, si è poi allontanato a piedi. Mentre la fidanzata di Lorusso, che ha assistito all’agghiacciante sequenza da una certa distanza, si è lanciata a soccorrerlo, chiedendo e ottenendo l’aiuto dei passanti, per portarlo nell’ ospedale più vicino. Domenico è arrivato ancora vivo al pronto soccorso, ma non ce l’ha fatta. La notizia della morte del ragazzo è stata accolta con dolore nella sua città d’origine: Potenza dedicherà un minuto di raccoglimento alla sua memoria, stasera, durante la ‘parata dei turchi’, e domani in occasione della processione del patrono. Un gesto doveroso, secondo il presidente della Commissione dei lucani all’Estero Luigi Scaglione, che lo ha proposto. Scaglione ha confermato la disponibilità e l’impegno massimo della commissione nelle azioni che si renderanno necessarie in Germania.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Franca Rame, mi sarà difficile parlarne al passato

prev
Articolo Successivo

Caserta, sequestrate oltre 1400 case abusive a Orta d’Atella

next