“Cosa votiamo a fare se dopo un mese il consiglio comunale viene sciolto per infiltrazioni mafiose?”. Così i cittadini di Roccaforte del Greco, piccolo comune dell’Aspromonte in provincia di Reggio Calabria, commentano la recente tornata amministrativa. La notizia è che il paesino non ha raggiunto il quorum necessario determinando l’invalidità delle elezioni. Solo 61 votanti si sono presentati al seggio. In tutto 54 i voti raccolti dall’unica lista che ha partecipato alle comunali e che vedeva come candidato sindaco Giuseppe Minnella, segretario provinciale del Movimento sociale Fiamma tricolore. E ora? Il comune continuerà ad essere retto da un commissario prefettizio, in attesa della prossima tornata elettorale. Ma gli abitanti sono certi: “Qui la ‘ndrangheta non esiste”  di Lucio Musolino

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5S, Salvo Mandarà: “Lascio l’Italia, mi sento un vigliacco”

next
Articolo Successivo

Treviso, Gentilini (Lega Nord): “Non ho bisogno di Maroni. Ci sono i miei ‘sceriffini'”

next