Primo trapianto su una bambina italiana di cellule staminali dal proprio cordone ombelicale, conservato alla nascita. L’intervento è stato effettuato negli Stati Uniti su una bimba di 3 anni e mezzo affetta da paralisi cerebrale. Il cordone era stato conservato privatamente e la piccola è stata inserita in una sperimentazione clinica controllata dall’ente statunitense per il controllo sui farmaci (Fda) e che si basa proprio sull’utilizzo delle staminali autologhe. Il campione comprende 60 bambini da tutto il mondo tra 1 e 6 anni. Il trapianto, con infusione di staminali nella piccola, è andato bene e secondo i medici ci sono “buone speranze” di miglioramento.

La piccola è dunque la prima italiana sottoposta a trapianto con cellule cordonali autologhe. L’intervento è stato effettuato il 21 maggio al Medical Center della Duke University (Durham, North Carolina) all’interno del protocollo coordinato dalla pediatra Joanne Kurtzberg. La piccola è stata selezionata a livello mondiale tra i 4.700 bimbi affetti da paralisi cerebrale i cui genitori hanno scelto di conservare privatamente le cellule staminali del cordone ombelicale. Si tratta del “primo caso in Italia. Le terapie rigenerative aprono nuove frontiere e ridanno speranza”, afferma Irene Martini, direttore scientifico di SmartBank, la banca delle cellule staminali cui la famiglia si è affidata per la conservazione delle cellule cordonali della figlia e che ha dato la notizia del trapianto.

La bambina è stata colpita alla nascita da ipossia che le ha provocato la paralisi cerebrale: si stima che circa un neonato ogni 1.000 possa presentare tale problema. La paralisi cerebrale determina la perdita della capacità di parlare e muoversi normalmente. Finora l’unica possibilità per questi pazienti sembrava essere il rilassamento dei muscoli con varie terapie, con funzione di sostegno ma non curativa. I ricercatori Usa hanno invece messo a punto una terapia che permette di correggere le alterazioni strutturali e biochimiche della patologia. Le cellule cordonali, in questo caso, possono agire riducendo l’infiammazione e rilasciando fattori di crescita che hanno attività rigenerativa. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Gli scienziati italiani producono idee, ma non raggiungono le aziende”

next
Articolo Successivo

Anche Cern e Ue per realizzare il primo supermicroscopio in Medio Oriente

next