Tokyo fa dietrofront sul nucleare. La Tepco, il gestore dell’impianto di Fukushima duramente colpito dal devastante tsunami dell’11 marzo 2011, vuole far ripartire la mega centrale nucleare di Kashiwazaki-Kariwa, la più grande al mondo, entro fine luglio. La notizia, riportata dal quotidiano Yomiuri Shimbun, è una doccia fredda per i giapponesi. A settembre dell’anno scorso il governo aveva infatti presentato una strategia di lungo termine per lo stop definitivo ai reattori nucleari. E anche Naoto Kan, allora premier nippolico, aveva promesso una “riduzione graduale della dipendenza dall’energia nucleare per puntare sulle energie rinnovabili”.

Ma i timori sembrano ora svaniti. La Tepco, secondo il giornale giapponese, ha deciso di presentare alla Nra, la nuova Authority nipponica sulla sicurezza, la richiesta per riavviare due reattori dell’impianto della prefettura centro-occidentale di Niigata, al termine però del completamento dei lavori sulla “sicurezza rafforzata”. L’iniziativa punta a stabilizzare i piani di alimentazione energetica nel Giappone orientale, includendo anche il Kanto (la popolosa area di Tokyo), e la regione del Tohoku, coperta dalla Tohoku Electric Power (la zona del nordest devastata dal sisma/tsunami), nonché ad abbattere i costi di produzione ora legati all’import dei combustibili fossili.

La centrale di Kashiwazaki-Kariwa, capace di produrre oltre 8,2 milioni di kilowatt, è stata inaugurata nel 1985 ed è stata ampliata fino ad avere sette reattori. Ma non è l’unico impianto nucleare nippolico che riaprirà i battenti. Altre utility, secondo il quotidiano giapponese, sono infatti pronte a seguire l’esempio della Tepco, in considerazione anche del rischio di blackout durante il periodo estivo. Il carattere strategico del nucleare, malgrado le proteste post-Fukushima, è stato ribadito dal primo ministro conservatore Shinzo Abe, intenzionato a rivedere il piano che prevede l’azzeramento dell’energia atomica a uso civile entro il 2040, voluto dal precedente governo guidato dal Partito democratico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Miniere in rovina, brandelli dimenticati della nostra storia

prev
Articolo Successivo

Plastica, spedizione nella discarica del Pacifico più grande del mondo

next