Due giorni per puntare l’attenzione sulla buona politica e le scelte di buon senso. La seconda edizione della Festa dei Comuni Virtuosi, che si svolgerà al circolo Arci Fuori Orario di Taneto di Gattatico (Reggio Emilia) sabato 25 e domenica 26 maggio, vuole essere una vetrina della sostenibilità, in cui sindaci e amministratori locali provenienti da tutta Italia racconteranno ciò che quotidianamente, spesso nel silenzio dei media e nell’indifferenza della politica nazionale, sperimentano con successo a favore delle comunità locali.

Stop al cemento, rifiuti zero, indipendenza energetica, mobilità sostenibile, nuovi stili di vita, partecipazione. Idee e progetti che mettono insieme sobrietà, integrazione e risparmio, dimostrando che intervenire a favore dell’ambiente non solo è possibile e necessario, ma anche conveniente. Concerti, stand di quaranta comuni italiani con i prodotti tipici dei territori – dalla cucina all’artigianato – ma anche spettacoli teatrali e presentazioni di libri. E poi mostre e incontri, convivialità e contaminazione. In occasione di questa seconda edizione il programma della festa (qui) si arricchisce di una sessione della “Scuola di Altra Amministrazione”, ospitata nei locali dell’Istituto “Alcide Cervi” a Gattatico durante tutta la giornata di sabato, mentre domenica sono previste una serie di iniziative culturali promosse in collaborazione con l’Associazione degli Editori per ragazzi Italiani.

Un’iniziativa con tanti ospiti, tra cui Riccardo Iacona che verrà insignito del Premio “Giornalista dell’anno”, che si concluderà con il concerto di Nicola Piovani. Domenica 26 maggio alle 17, inoltre, Ferruccio Sansa, giornalista del Fatto Quotidiano, modererà l’incontro “Il colore del futuro è verde” dedicato al futuro delle politiche ambientali nel nostro Paese. Parteciperanno al dibattito, tra gli altri, il deputato Pd Pippo Civati, il sindaco di Parma Federico Pizzarotti Giulia Innocenzi di Servizo Pubblico

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Isola di San Giulio, la ‘guerra’ del ponte: ecologisti contro suore di clausura

prev
Articolo Successivo

Eni, il no di Armando Orsini e la memoria collettiva

next