E’ calabrese, quindi ci potrebbero essere legami con la ‘ndrangheta. Era un tipo silenzioso, come solo i calabresi sanno essere. Sono solo due dei cliché sui calabresi che da ieri, quando Luigi Preiti ha sparato contro i due carabinieri in piazza Colonna, le tv stanno diffondendo. Sarà che sono calabrese, sarà che gli stereotipi non li sopporto a prescindere, ma questa storia proprio non mi va giù.

Se Preiti fosse toscano, qualcuno farebbe riferimento al caciucco o a Firenze culla del Rinascimento? E se fosse veneto, si direbbe che probabilmente è gondoliere o esperto dell’architettura palladiana? No, ovviamente.

E mi direte che i “talenti” dei calabresi sono spesso stati diversi e più preoccupanti. Vero, innegabile. Ma quale giornalista minimamente informato e capace di fare il proprio mestiere penserebbe che la ‘ndrangheta possa commissionare un agguato davanti agli stessi Palazzi con i quali le ‘ndrine dialogano e si accordano?

O ancora: davvero c’è qualcuno che pensa che tutti i calabresi siano silenziosi? Avete mai partecipato a un pranzo domenicale in Calabria o, peggio ancora, a un matrimonio?

Questa volta tocca ai calabresi, ma è ovvio che gli stereotipi mediatici riguardano una schiera molto più ampia di persone. Di solito stranieri, extracomunitari, rom. Gli ultimi della società, ovviamente, perché con loro è più facile prendersela. E gli ultimi d’Italia sono i calabresi. E non sempre per colpa loro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Palazzo Chigi, Giangrande ha respirato da solo ma rischia tetraplegia

prev
Articolo Successivo

Ingroia, Tar: “Torni a lavorare” ma il ministero concede altre due settimane

next