Skip to content


Sei in: Il Fatto Quotidiano > Cronaca > Sparatoria Pala...

Sparatoria Palazzo Chigi: due carabinieri feriti. L’attentatore: “Puntavo ai politici”

Alle 11.40 un uomo in giacca e cravatta ha attraversato la piazza e ha aperto il fuoco. Le forze dell'ordine hanno risposto, lui ha tentato di fuggire: ferito durante la colluttazione e bloccato. Si tratta di Luigi Preiti, 49 anni, nessun precedente penale, calabrese di origine, residente ad Alessandria. Ferita anche una passante in modo lieve. Gli investigatori: "Era a Roma per compiere un gesto eclatante"

Sparatoria Palazzo Chigi: due carabinieri feriti. L’attentatore: “Puntavo ai politici”

“Volevo sparare ai politici, ho capito che non potevo raggiungerli e ho fatto fuoco sui carabinieri”. Una confessione netta, consegnata al magistrato inquirente. Dal letto di ospedale in cui è ricoverato, Luigi Preiti ha spiegato così l’obiettivo del suo gesto. Un’azione disperata, ma non folle. Sei colpi di pistola contro due carabinieri. Poi il tentativo di suicidio, ma nel caricatore non c’erano più colpi in canna. E’ quanto accaduto alle 11.40 di fronte a Palazzo Chigi mentre al Quirinale era in corso il giuramento del nuovo governo. Gli esponenti delle forze dell’ordine sono stati feriti uno in maniera grave al collo, l’altro alla gamba. Per il primo i medici si sono riservati la prognosi per 72 ore per capire se sopravvivrà. Il secondo è fuori pericolo. L’attentatore è stato subito fermato: si tratta di Luigi Preiti, classe ’64, calabrese di Rosarno, ma residente da anni ad Alessandria. Anche lui è rimasto ferito, ma non a seguito della sparatoria, bensì durante la colluttazione con i carabinieri. Secondo quanto riferito dal ministro degli Interni Angelino Alfano, l’attentatore voleva uccidersi ma aveva esaurito il caricatore. Fonti investigative spiegano che probabilmente Preiti è arrivato a Roma apposta per compiere “un gesto eclatante”: giunto ieri nella Capitale, ha dormito in hotel. “Io non odio nessuno, ma sono disperato” ha detto il 49enne ai pm prima di raccontare altri particolari del suo gesto: “Ho deciso l’attentato venti giorni fa, la pistola l’avevo comprata nel 2009 al mercato nero di Alessandria“.

Nessun precedente penale alle spalle, Preiti è accusato di tentato omicidio, porto e detenzione di armi.  In giacca e cravatta, ha attraversato la piazza, si è diretto verso i carabinieri e all’improvviso, dopo aver gridato alle forze dell’ordine “Sparatemi, sparatemi!”, ha aperto il fuoco: feriti il brigadiere Giuseppe Giangrande, di 50 anni, e il carabiniere scelto Francesco Negri, di 30, entrambi del Battaglione Toscana. Il primo è ricoverato in prognosi riservata per una ferita al collo (secondo il primo bollettino i proiettili hanno leso la colonna vertebrale), il secondo è ferito gravemente alla gamba. Anche una passante, secondo quanto riportano le agenzie, è rimasta ferita in modo lieve: colpita di striscio da una scheggia, è stata soccorsa dal 118 e trasportata in ospedale. Si tratta di una donna incinta.

Dopo aver sparato, Luigi Preiti ha cercato di fuggire, ma è stato bloccato. In un primo momento, si era parlato di lui come di uno squilibrato con seri problemi psichici, ma successivamente la testimonianza del fratello dell’attentatore ha dato una versione diversa sulle condizioni di salute del 49enne di origini calabresi. Luigi Preiti, infatti, non soffrirebbe di turbe psichiche: “Fino a ieri mattina Luigi era una persona lucida e intraprendente. Lui viveva a Predosa, poco lontano da me – ha detto Arcangelo Preiti - Ha perso il lavoro e si è separato dalla moglie, è padre..”. L’attentatore è un muratore, aveva deciso due anni fa di lasciare il Piemonte e tornare nel suo paese d’origine non solo in seguito alla separazione, ma anche a causa della disoccupazione, conseguenza della crisi che ha colpito l’edilizia. A Rosarno l’uomo aveva trovato solo un impiego saltuario e faceva anche dei lavori in proprio. Secondo alcune ricostruzioni, Preiti – in crisi per la separazione e i problemi economici – sarebbe entrato nel giro dei videopoker, anche se la passione per il gioco (e per il biliardo) risalirebbero a prima della separazione dalla coniuge. Anzi, secondo altre fonti proprio il gioco d’azzardo sarebbe uno dei motivi che lo hanno allontanato dalla famiglia e che gli hanno fatto perdere il lavoro. Da qui lo stato di depressione. Anche l’ex moglie ha commentato l’accaduto: “Non riesco a crederci, sono sconvolta”.

Nei momenti successivi alla sparatoria, mentre ancora al Colle era in corso il giuramento, è scattato lo stato di ”massima allerta” sul piazzale antistante il Quirinale, dove le forze dell’ordine hanno iniziato a far defluire la folla. Grande agitazione nella sala delle feste durante la cerimonia di giuramento. La notizia della sparatoria ha fatto immediatamente il giro dei presenti: molti gli operatori e i giornalisti che hanno abbandonato le loro postazioni. Il neo ministro dell’Interno Angelino Alfano è stato informato subito dopo aver giurato. Il segretario Pdl, seduto in prima fila, era sorridente quando è stato avvicinato da un funzionario del Colle che, evidentemente, lo ha informato del gravissimo fatto. Poco dopo è stato informato anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. E’ stato il neo ministro per i Rapporti con il Parlamento Dario Franceschini, invece, a dare al premier Enrico Letta la notizia. Gianni De Gennaro, sottosegretario ai Servizi segreti del governo Monti, è arrivato sul luogo della sparatoria per controllare la scena del crimine.

CRONACA ORA PER ORA

21.16 – Carabiniere ferito: “La tensione nel Paese è sulle nostre spalle”
“Viviamo una fase di tensione nel Paese e queste tensioni ricadono sulle nostre spalle”. Sono le parole di Francesco Negri, il carabiniere ferito questa mattina di fronte palazzo Chigi, riferite dal responsabile sicurezza del Pd, Emanuele Fiano, che in serata ha fatto visita al militare ricoverato all’ospedale San Giovanni di Roma.

20.46 – La figlia del brigadiere ferito ha visitato il padre
La figlia del brigadiere Giuseppe Giangrande, uno dei due carabinieri rimasti feriti stamattina davanti palazzo Chigi, ha potuto visitare il padre ricoverato nel reparto di terapia intensiva neurochirurgica del Policlinico Umberto I di Roma. Alla ragazza, accompagnata dai vertici dell’Arma e dal direttore sanitario Amalia Allocca, è stato concesso in via eccezionale di poter vedere di persona il padre, tuttora in prognosi riservata. La ragazza, visibilmente provata è apparsa “molto forte”.

20.41 – Letta: “Il carabiniere ferito è un esempio per il Paese”
“Ho espresso la mia vicinanza all’Arma dei carabinieri, sia per quello che è successo ieri a Maddaloni, sia per quello che è successo oggi”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Enrico Letta, uscendo dal Policlinico Umberto I di Roma dove è stato ricoverato uno dei due carabinieri feriti. “Ho espresso vicinanza all’Arma – ha aggiunto – alle nostre forze dell’ordine e alla famiglia Giangrande, alla figlia che ho trovato di una forza straordinaria dopo quello che è successo. Gli ho detto quanto il padre oggi in una giornata così particolare di servizio alle istituzioni che sta pagando duramente con la sofferenza di queste ore, è un esempio per il Paese”.

20.41 – Preiti trasferito nel carcere di Rebibbia
E’ stato trasferito nel carcere romano di Rebibbia Luigi Preiti, l’uomo che oggi ha ferito due carabinieri, uno in modo gravissimo, davanti a Palazzo Chigi. Preiti nel pomeriggio è stato ascoltato dai magistrati della procura della capitale. Entro martedì ci sarà l’udienza di convalida.

20.36 – Letta: “Ora tutti facciano il proprio dovere”
“Ora dobbiamo stringerci attorno alla famiglia, attorno alle forze dell’ordine: è il momento in cui ognuno deve fare il proprio dovere”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Enrico Letta, dopo la visita all’Umberto I di Roma ad uno dei carabinieri feriti.

20.14 – Letta in vista al carabiniere ferito
Il presidente del Consiglio, Enrico Letta, è appena giunto al Policlinico Umberto I dove è stato ricoverato uno dei due carabinieri feriti stamattina nella sparatoria di piazza Colonna, il brigadiere Giuseppe Giangrande.

20.01 – Boldrini: “La famiglia del carabiniere non è sola, lo Stato c’è”
“Noi come istituzioni ci siamo, la famiglia non è sola. Mi auguro che si possa dare anche in questo caso un segnale forte, che quando succede qualcosa a un servitore dello Stato, lo Stato c’è”. Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini dopo aver visitato all’Umberto I il brigadiere Giangrande rimasto ferito nella sparatoria di questa mattina.

19.44 – Preiti sarà ascoltato nella caserma dei carabinieri
Luigi Preiti, l’uomo che stamani ha sparato a due carabinieri davanti palazzo Chigi, ha lasciato l’ospedale San Giovanni diretto nella sede del reparto operativo dei carabinieri. Preiti sarà interrogato ancora dai militari e poi trasferito in carcere o in una struttura sanitaria per detenuti, viene precisato.

19.33 – Brigadiere ferito, danno midollare importante
Un ‘danno midollare importante’.Questo l’esito dell’intervento chirurgico su Giuseppe Giangrande all’Umberto I. La prognosi resta riservata ‘per 72 ore quoad vitam’, cioè per sapere se sopravviverà. Lo ha detto il direttore del Dea del Policlinico Umberto I, Claudio Modini.

19.31 – Alfano ai ministri: “Attenetevi alle disposizioni del Viminale”
Il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, durante la riunione del Consiglio dei ministri, si è raccomandato con i colleghi di attenersi con scrupolo alle disposizioni di sicurezza che saranno decise per i singoli membri del governo dal Viminale. Lo riferiscono fonti governative. 

19.24 – La ex moglie di Preiti: “E’ una brava persona”
Luigi Preiti “non è come lo avete dipinto in queste ore, lui è una brava persona”. Ivana Dan, 40 anni, l’ex moglie dell’uomo che oggi ha ferito due carabinieri davanti a Palazzo Chigi, risponde così ai giornalisti, attraverso la porta di casa.

19.18 – Preiti rischia più di dieci anni di carcere - L’attentatore, a sentire esperti di diritto penale, dovrà quasi certamente rispondere di duplice tentativo di omicidio volontario, aggravato da premeditazione (ha detto che aveva pensato al suo gesto 20 giorni fa). Per tale reato la pena – stabilisce il codice – non può essere inferiore a 12 anni.

 19.16 – Terminato l’intervento chirurgico per Francesco Negri, rimasto ferito alla gamba

19.14 – Carabiniere ferito aveva scritto su Facebook poco prima di essere ferito – Buona domenica a tutti. Oggi grande giornata di sole”. E’ il post scritto sulla propria pagina del social network da Giuseppe Giangrande, uno dei due carabinieri feriti stamani davanti Palazzo Chigi. Sotto la frase c’è la foto di una carrozza, ferma in una piazza. Sono le 11.06, “nei pressi di Roma”, è spiegato sul profilo.

18.29 – Boldrini: “Politica dia risposte al Paese” - “La politica deve tornare a dare risposte concrete ai bisogni delle persone e all’emergenza sociale”, perché “la crisi trasforma una vittima in carnefice, come l’uomo che ha sparato oggi e questo ci deve mettere in allarme”. Così è intervenuto il presidente della Camera visitando il luogo della sparatoria davanti a Palazzo Chigi. E ha aggiunto: “Basta domande, dobbiamo andare avisitare le persone in ospedale”.

17.45 – Carabiniere che ha firmato Preiti: “Abbiamo fatto il nostro dovere” – ”Abbiamo semplicemente cercato di fare il nostro dovere. In piazza era pieno di gente e non appena sono partiti gli spari ci siamo gettati sull’aggressore per bloccarlo”. A parlare è uno dei carabinieri che si trovava in servizio davanti a Palazzo Chigi, questa mattina, intervenuto subito dopo gli spari per bloccare Preiti.

17.42 – Funzionari di polizia: “C’è rischio emulazione” - “I rappresentanti dello Stato e delle Istituzioni, i luoghi della rappresentanza democratica stamattina sono diventati i bersagli simbolici ed ideali per gesti di disperati, che pensano di non avere nulla da perdere”. E’ quanto afferma il segretario dell’Associazione nazionale funzionari di polizia Enzo Letizia in merito alla sparatoria davanti a palazzo Chigi in cui sono rimasti feriti due carabinieri. “L’azione è tanto eclatante – aggiunge – che il rischio di emulazioni è reale, la politica quindi non lasci da soli gli uomini e le donne delle forze di polizia ad affrontare i disperati di questo Paese”.

17.38 – Luigi Preiti: “Io non odio nessuno, sono disperato” - “Ho voluto fare un gesto eclatante in un giorno importante: non odio nessuno in particolare ma sono disperato”. Luigi Preiti ha tentato di giustificare così il suo gesto nel corso dell’interrogatorio col procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani e il pm Antonella Nespola. L’interrogatorio di oggi precede quello di garanzia che si svolgerà martedì. Secondo quanto emerso nel corso dell’atto istruttorio, il gesto dunque non ha matrice politica né terroristica ma sarebbe maturato dalla situazione personale dell’uomo, separato e disoccupato. Tanto che l’uomo ha confessato ai pm che voleva suicidarsi ma aveva finito i colpi. L’uomo avrebbe fatto tutto da solo e non ci sarebbero complici.

17.23 – Luigi Preiti: “Attentato deciso venti giorni fa” - ”Ho deciso di fare tutto questo 20 giorni fa”. Così Luigi Preiti ha confessato il suo gesto al procuratore aggiunto Gianfilippo Laviani nel corso dell’interrogatorio. Preiti ha aggiunto di avere acquistato ”la pistola quattro anni fa al mercato nero ad Alessandria”

17.17 – Fratello Preiti: “Chiediamo scusa ad Arma e a tutta Italia” - “Non sappiamo cosa è successo, è un ragazzo tranquillo. L’unico problema che aveva è che era separato dalla moglie dal 2010 e non aveva lavoro, quindi è tornato a vivere con i miei genitori in Calabria”. Così il fratello di Luigi Preiti, l’uomo che questa mattina ha sparato davanti palazzo Chigi a SkyTg24. L’uomo esprime la “solidarietà della mia famiglia a tutta l’arma dei carabinieri. Chiediamo scusa – ha detto – a tutta l’Italia”.

17.10 – Intervento Giangrande durerà due ore – “L’intervento chirurgico è iniziato, durerà circa 2 ore. La prognosi resta riservata. Dopo l’intervento emaneremo un secondo bollettino. L’intervento è per verificare se ci sono state lesioni al midollo e alla circolazione”. Lo ha detto il direttore sanitario del Policlinico Umberto I Amalia Allocca, in merito alle condizioni del carabiniere Giuseppe Giangrande. “Quali conseguenze? E’ presto per dirlo, sarebbe un azzardo – ha risposto – aspettiamo di vedere. Entro le 19 ci sarà altro comunicato”.

16.43 – Misure di sicurezza temporanee per nuovi ministri - Sono state garantite misure temporanee di sicurezza per i nuovi ministri in attesa di approfondire le singole situazioni e i vari livelli di rischio. E’ quanto si apprende in ambienti investigativi dopo l’attentato nel quale sono rimasti feriti due carabinieri. Ovviamente restano tutte le misure previste per legge che riguardano presidente del Consiglio, ministro dell’Interno e ministro della Giustizia. Nei prossimi giorni si terranno in prefettura delle riunioni dedicate alla questione.

16.41 – Carabiniere Negri operato alla gamba: “E’ in ottime condizioni” - E’ stato operato all’ospedale San Giovanni per ridurre la frattura alla tibia provocata dalla pallottola il carabiniere scelto Francesco Negri, ferito stamani davanti palazzo Chigi. Lo ha detto il direttore sanitario dell’azienda ospedaliera Gerardo Corea. ”Mi ha detto di dire che sta bene. Ha subito un intervento ortopedico, è già sveglio nella sua stanza, assieme alla fidanzata e dal fratello – ha riferito -. E’ in ottime condizioni, ma continua a chiedere del collega ferito”. 

16.14 – Arma usata da Preiti di provenienza illecita – L’arma usata da Luigi Preiti sarebbe di ‘provenienza illecità. Lo ha ipotizzato il procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani che ha lasciato l’ospedale San Giovanni assieme al sostituto procuratore Antonella Nespola, giunta circa due ore fa.

16.06 – Preiti a Roma in treno - Sarebbe andato a Roma in treno, e non in auto, come si era pensato in un primo tempo, Luigi Preiti, la persona che ha sparato stamattina davanti a Palazzo Chigi. La vettura del muratore, infatti, è stata trovata dai carabinieri nelle vicinanze della stazione ferroviaria di Gioia Tauro. L’area in cui è stata individuata la vettura è stata transennata. Si attende per aprirla l’arrivo degli artificieri e degli esperti del reparto investigazioni scientifiche dell’Arma.

15.56 – Pm: “Luigi Preiti ha confessato: puntava ai politici” - A dirlo il pm che segue l’inchiesta. “Non è un pazzo, puntava ai politici” ha detto il magistrato, che poi ha raccontato come Luigi Preiti ha confessato tutto. ”E’ un uomo pieno di problemi che ha perso il lavoro, aveva perso tutto, era dovuto tornare in famiglia: era disperato. In generale voleva sparare sui politici, ma visto che non li poteva raggiungere ha sparato sui carabinieri”. Così il pm di Roma, Pierfilippo Laviani, dopo aver sentito Luigi Prieti. ”Ha confessato tutto. Non sembra una persona squilibrata”.

15.50 – Verso intensificazione del servizio scorte - Verrà intensificato il servizio di scorte per i ministri e le più alte cariche istituzionali, alla luce dell’episodio della sparatoria a Palazzo Chigi. E’ quanto si apprende da fonti investigative. Dopo alcuni provvedimenti di ‘scrematura’ dei servizi di scorta richiesti esplicitamente da alcune cariche istituzionali nelle scorse settimane, adesso, dopo l’episodio di stamani, il livello di attenzione è stato elevato. Per questo motivo si sta valutando l’intensificazione ed in alcuni casi il ripristino del servizio per personalità che ricoprono cariche istituzionali.

15.44 – Carabiniere sottoposto a intervento neurochirurgico - “La situazione è molto grave e il brigadiere Giangrande sta entrando in sala operatoria per essere sottoposto a un intervento neurochirurgico per via della lesione riportata”. A riferirlo è il candidato sindaco di Roma del centrosinistra Ignazio Marino che accompagnato dai dirigenti sanitari del Policlinico Umberto I ha fatto visita al brigadiere Giuseppe Giangrande ferito questa mattina in una sparatoria davanti Palazzo Chigi. “Il paziente – ha spiegato Marino – è assistito con un respiratore automatico”.

15.38 – Attentatore aveva sperperato soldi al gioco - Potrebbero esserci problemi di gioco dietro alle difficoltà di Luigi Preiti, l’uomo che oggi ha ferito due carabinieri davanti a Palazzo Chigi. L’attentatore, secondo quanto si apprende, già prima della separazione dalla moglie, spendeva molti soldi alle slot machines ed al biliardo. E proprio questo sarebbe uno dei motivi che lo hanno allontanato dalla famiglia e che gli hanno fatto perdere il lavoro.

15.33 – Chiesta perizia psichiatrica per Preiti - Chiesta la consulenza psichiatrica per Luigi Preiti, l’uomo che questa mattina ha sparato a due carabinieri davanti Palazzo Chigi. Dopo essere stato fermato dalle Forze dell’Ordine, una volta giunto al pronto soccorso del San Giovanni di Roma, i medici del Dea che lo hanno visitato hanno chiesto la consulenza dello psichiatra di turno. “Una prassi”, spiegano all’Adnkronos Salute fonti sanitarie. “Viene chiesta in tutti quei casi delicati, dove il soggetto può recare danno a se stesso o agli altri”.

15.32 – Preiti partito ieri in auto da Rosarno - ”E’ uscito ieri da casa senza dire dove fosse diretto e cosa dovesse fare”. Lo ha detto un cugino di Luigi Preiti, uscendo da casa della famiglia dell’uomo che ha sparato oggi davanti a Palazzo Chigi. “I genitori, quando hanno saputo dell’accaduto – ha aggiunto – sono rimasti sbigottiti e increduli”. Preiti, che possiede un’auto, si sarebbe recato a Roma con la propria vettura.

15.30 – Frattura alla gamba per altro carabiniere ferito - Ha riportato la frattura della gamba destra uno dei due carabinieri feriti. A riferire della frattura è stato il direttore generale dell’ospedale San Giovanni dove il militare, Francesco Negri, carabiniere scelto, 30 anni, in forza al battaglione Tuscania come il brigadiere Giuseppe Giangrande, ricoverato al Policlinico Umberto I in condizioni piu’ serie perche’ la pallottola gli ha leso la colonna vertebrale cervicale.

15.26 – Dg ospedale San Giovanni: “Nulla di serio per Preiti” – Nulla di serio, solo ferite lacero-contuse per Luigi Preiti, l’attentatore di questa mattina in piazza Monte Citorio. Lo ha riferito Gianluigi Bracciale, direttore generale dell’ospedale San Giovanni, dove l’uomo e’ stato ricoverato dopo essere stato bloccato da altri carabinieri dopo aver fatto fuoco contro due militari ferendoli. Quelle a cui si riferisce Bracciale sarebbero ferite occorse a Preiti quando c’e’ stata la colluttazione che ha portato alla sua cattura. L’attentatore e’ piantonato in ospedale.

15.05 – Attimi sparatoria ripresi da telecamere a circuito chiuso di Palazzo Chigi - Le telecamere di sorveglianza disposte sulla piazza davanti palazzo Chigi hanno ripreso le scene drammatiche del ferimento dei due carabinieri da parte di Luigi Preite e le immagini sono ora al vaglio degli inquirenti. Passo normale, sguardo dritto davanti a sè, mani in tasca: così Luigi Preiti è arrivato davanti a palazzo Chigi, dove ha sparato a due carabinieri. La dinamica della sparatoria è stata ripresa da almeno tre telecamere di sicurezza montate all’esterno di palazzo Chigi e di Montecitorio.

15.00 – Brigadiere Giangrande è vedovo da due mesi - E’ di origini siciliane e vive a Prato da anni il brigadiere Giuseppe Giangrande, uno dei due militari feriti durante l’attentato di stamani davanti a Palazzo Chigi. Giangrande, 40 anni, è vedovo da due mesi. Ha una figlia di 23 anni, che adesso è in viaggio per Roma. Giangrande, nato a Monreale (Palermo), è il più grave: ha riportato la lesione della colonna vertebrale cervicale. Il brigadiere è in servizio al Sesto battaglione carabinieri Toscana, con sede a Firenze, dal 2009, dopo un’esperienza nel radiomobile di Prato. Anche l’altro militare rimasto ferito, il carabiniere scelto Francesco Negri, è del Sesto battaglione carabinieri Toscana, dove è arrivato nel 2009. Prima era in servizio in una stazione in Lombardia. Negri ha 30 anni, è celibe ed è originario di Torre Annunziata (Napoli).

14.52 – Bollettino medico: brigadiere Giangrande, proiettile ha leso colonna vertebrale - Lesione della colonna vertebrale cervicale. Questo dice il primo bollettino Medico che descrive le condizioni di Giuseppe Giangrande, il brigadiere ricoverato al Policlinico Umberto I di Roma. La prognosi resta riservata. ”Gli accertamenti eseguiti hanno dimostrato che durante il tragitto il proiettile ha leso la colonna vertebrale cervicale”. E’ quanto riferito dal direttore sanitario Amalia Allocca e dal direttore del Dea del Policlinico Umberto I Claudio Modini in merito alle condizioni del brigadiere Giuseppe Giangrande ferito questa mattina a colpi di pistola davanti Palazzo Chigi. Giangrande è stato ferito da un solo colpo di pistola, entrato dalla parte sinistra del collo e fermatosi nella scapola destra. Il carabiniere è arrivato cosciente in ospedale ma non ricordava nulla dell’accaduto. Alla domanda specifica su eventuali danni permanenti, i medici hanno risposto che si tratta di una “lesione importante” e che sono incorso accertamenti per valutare un eventuale intervento chirurgico.

14.42 – Luigi Preiti ha sparato per uccidere – Ha sparato per uccidere, Luigi Preiti, che stamani davanti a Palazzo Chigi ha ferito due carabinieri. E’ quanto si è appreso da fonti investigative. Luigi Preiti – secondo testimonianze e i primi accertamenti balistici – ha puntato la pistola ad altezza d’uomo contro i carabinieri esplodendo i colpi in successione.

14.40 – Pistola usata è calibro 7.65 con matricola abrasa - Luigi Preiti ha usato una pistola semiautomatica Beretta calibro 7.65. Lo apprende l’ANSA da fonti investigative. La matricola della pistola è abrasa.

14. 30 – Vicini: “Luigi Preiti sposato due volte” - Era stato sposato due volte Luigi Preiti, lo sparatore di Palazzo Chigi, nel corso della sua ventennale permanenza in Piemonte ed entrambe le unioni erano fallite. A raccontarlo sono i vicini di casa di Rosarno. Entrambe le mogli di Preiti sono piemontesi e con la seconda si era separato dopo che aveva perso il lavoro.

14.28 – Perquisiti case ex moglie e fratello Preiti - L’abitazione dell’ex moglie di Luigi Preiti, Ivana, e quella del fratello, Arcangelo, a Novi Ligure (Alessandria) sono state perquisite dalle forze dell’ordine. L’attività, che secondo quanto si apprende è stata eseguita a scopo precauzionale, ha dato esito negativo. Preiti, che non viveva ormai in Piemonte dal 2011, non aveva il porto d’armi nè aveva armi registrate a suo nome.

14.22 – L’ex moglie: “Sono sconvolta, non riesco a crederci” – “Sono sconvolta, non riesco ancora a credere che lo abbia fatto”. Sono le poche parole con cui l’ex moglie di Luigi Preiti, Ivana, commenta la sparatoria. La donna non ha più avuto contatti con l’ex marito da diversi mesi. L’ultima volta che Luigi Preiti era stato a Predosa e l’aveva incontrata è stato lo scorso anno per la Prima Comunione del figlio, che ha 11 anni.

14.19 – L’attentatore ha dormito in hotel a Roma - L’attentatore era arrivato nella capitale ieri e ha alloggiato in un hotel del centro. Attualmente nell’albergo dove ha alloggiato Preiti sono in corso perquisizioni. Accertamenti sono stati attivati per capire la provenienza della pistola che sembra Preiti detenesse illegalmente.

14.14 – Alfano: “Preiti voleva suicidarsi” –
Luigi Preiti “voleva suicidarsi” dopo aver sparato ai carabinieri “ma non c’è riuscito perché aveva finito il caricatore”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano durante la sua prima conferenza stampa da titolare del Viminale, parlando di un “tragico gesto criminale di un disoccupato”.

14.08 – “Preiti a Roma per compiere gesto eclatante” – Secondo fonti investigative Luigi Preiti sarebbe venuto a Roma proprio con l’intenzione di compiere un “gesto eclatante”. Da quanto si è appreso dai carabinieri l’uomo sarebbe arrivato nella capitale con questo intento: non è stato accertato se è arrivato già armato o se la pistola se l’è procurata a Roma.

13.52 – Brigadiere è in prognosi riservata -
Il brigadiere Giangrande è in progrosi risevata. Lo riferiscono all’Adnkronos qualificate fonti investigative. L’altro carabiniere rimasto ferito, un appuntato, non è in pericolo di vita.

13.39 – Chi sono i carabinieri feritiI carabinieri feriti dall’attentatore davanti a Palazzo Chigi sono il brigadiere Giuseppe Giangrande, di 50 anni, e il carabiniere scelto Francesco Negri, di 30. Sia il brigadiere sia l’appuntato sono effettivi al Battaglione Toscana.

13.35 – Sindaco Rosarno: “Preiti non ha mai dato segni di disagio” – Luigi Preiti, l’uomo che ha sparato davanti a palazzo Chigi questa mattina, è originario di Rosarno, provincia di Reggio Calabria. “So che si era trasferito in Piemonte da una ventina d’anni, qualche volta tornava in Calabria per le vacanze. Quando viveva qui faceva il muratore, non ha mai dato segnali evidenti di di disagio”, dice all’Adnkronos il sindaco di Rosarno Elisabetta Tripodi. “Non so a cosa sia dovuto questo gesto ma credo che dovremmo trarre lezione e andare cauti, c’è un disagio sociale fortissimo soprattutto qui da noi”, ha concluso.

13.33 – Grasso: “Bisogna evitare di aprire strategia della tensione” – ”Bisogna evitare di aprire una strategia della tensione”. Lo ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso intervistato da Skytg24. “Non credo che in questo momento e con queste prospettive convenga a nessuno avviare una strategia della tensione”, ha aggiunto.

13.33 – Preiti in crisi dopo separazione - Luigi Preiti sarebbe entrato in crisi dopo la separazione dalla moglie. Lo si apprende da fonti investigative qualificate secondo le quali l’uomo che ha sparato a due carabinieri a palazzo Chigi, era disoccupato e, negli ultimi tempi, sarebbe finito nel giro dei videopoker. Le stesse fonti ribadiscono che Preiti ha agito da solo.

13.32 – Blog Grillo: “M5S non violento” -  “C’è stato un attentato ai carabinieri davanti a Palazzo Chigi. Vorrei innanzitutto manifestare la mia solidarietà ai carabinieri, alle forze dell’ordine e ai parenti del carabiniere ferito gravemente. Ci discostiamo da questa onda che spero finisca lì perché il nostro MoVimento non è assolutamente violento. Noi raccogliamo firme ai banchetti, facciamo referendum e leggi popolari. Piena solidarietà alle forze dell’ordine e speriamo che sia un episodio isolato e rimanga tale”. Lo si legge nel blog di Beppe Grillo.

13.27 – Preiti chiuso nel silenzio in ospedale - Si è chiuso nel silenzio l’uomo di 46 anni che stamattina ha ferito due carabinieri, dopo aver esploso diversi colpi di pistola davanti a Palazzo Chigi. A quanto si è appreso, sia dopo essere stato bloccato, sia dopo l’arresto, l’uomo non ha detto nulla e al momento non ha cambiato atteggiamento.

13.26 – Dinamica sparatoria: Preiti a piedi da Montecitorio - Il 49enne che stamattina ha ferito due carabinieri è arrivato davanti a Palazzo Chigi provenendo a piedi da Montecitorio. Giunto davanti allo sbarramento del reggimento mobile dei carabinieri, ha sparato diversi colpi ferendo il primo militare alla gamba e poi colpendo l’altro militare, che si presidiava la garitta. 

13.21 – Ris recuperano arma di Preiti - Quattro uomini del Ris con tute bianche, stanno lavorando davanti palazzo Chigi, all’angolo con la sede del quotidiano Il Tempo hanno recuperato la pistola usata per sparare contro i due carabinieri.

13.20 – Preiti ferito in modo lieve: ha collare medico - E’ stato soccorso dopo essere stato fermato dai carabinieri l’uomo che questa mattina ha sparato davanti palazzo Chigi ferendo due militari. Quando il quarantaseienne calabrese è stato bloccato dai carabinieri è finito in terra sbattendo la testa. All’uomo, che è on stato di arresto, è stato applicato un collare medico.

13.18 – Luigi Preiti emigrato da Calabria 20 anni fa, è muratore - Ha lasciato la Calabria da oltre 20 anni ed è emigrato ad Alessandria, dove fa il muratore, Luigi Preiti, l’uomo responsabile della sparatoria davanti Palazzo Chigi. Preiti non aveva, comunque, tagliato totalmente i ponti con il paese d’origine, dove tornava, anche se di rado. In paese qualcuno lo ricorda come una persona dedita al lavoro e che, in estate, cantava nei lidi della zona. Confermato il fatto che avesse un matrimonio fallito alle spalle.

13.17 – Operatore tv: “Paura che sparasse anche a noi” – ”Ho sentito due colpi di pistola, mi sono girato ed ho visto un uomo sui 40 anni ben vestito, in grigio, che sparava ad altezza uomo ad un carabiniere. Sono scappato perchè ho avuto paura che sparasse contro di me ed altri colleghi”. A raccontarlo è Simone Bianchi, di 32 anni, operatore di un service che stamani ha assistito alla sparatoria insieme ad altri suoi colleghi. ”Ho pensato a mettermi in salvo – ha aggiunto l’operatore- e soltanto dopo ho preso la mia telecamera ed ho filmato il carabiniere che era a terra sanguinante. Indossava una divisa anti sommossa. Ho davvero avuto paura che potesse puntare la pistola contro di noi”.“In un primo momento ho pensato che l’attentatore – ha concluso – potesse essere un uomo appartenente alle scorte per come era vestito”.

13.13 – Attentatore non aveva porto d’armi - A quanto apprende l’Adnkronos da fonti qualificate, dalle prime verifiche effettuate sembra che Luigi Preiti, autore della sparatoria davanti palazzo Chigi, non avesse alcuna licenza per il porto d’armi.

13.12 – Attentatore dopo spari: “Allentatemi le manette” - ”Per favore, allentatemi le manette, non sento il braccio”: cosi, secondo quanto riferito all’ANSA da forze dell’ordine presenti sul posto, Luigi Preite si è rivolto alle forze dell’ordine che lo hanno bloccato. “E’ apparso freddo e lucido”, riferisce un addetto alla sicurezza che ha partecipato all’arresto.

13.11 – Rafforzate misure di sicurezza in sedi istituzioni – Innalzate le misure di sicurezza nelle sedi istituzionali dopo la sparatoria a palazzo Chigi. Secondo quanto si apprende, la vigilanza è stata rafforzata dal questore di Roma Fulvio Della Rocca d’intesa con le altre forze di polizia, oltre che a palazzo Chigi, anche su Quirinale, Camera e Senato e altre sedi di rappresentanza.

13.08 – Fratello Preiti: “Siamo sconvolti. E’ persona lucida: ha perso il lavoro e si è separato dalla moglie. Non lo vedo da agosto” - “Fino a ieri mattina mio fratello era una persona lucida e intraprendente… Ora sento queste notizie e mi crolla tutto addosso…”. Arcangelo Preiti, all’Adnkronos, parla così dopo l’attentato compiuto dal fratello, Luigi, che ha ferito 2 carabinieri davanti a Palazzo Chigi. “Fino a ieri mattina mio fratello era una persona lucida e intraprendente. Lui viveva a Predosa, poco lontano da me. Ha perso il lavoro e si è separato dalla moglie, è padre… Problemi psichici? No, no… Da 49 anni a questa parte no…”, dice Arcangelo Preiti. “Dopo aver perso il lavoro è tornato in Calabria a vivere con i miei genitori, non lo vedo e non lo sento da agosto”

13.07 – Preiti ha ferita alla testa - Luigi Preiti è stato bloccato dai carabinieri durante una colluttazione: subito dopo che aveva esploso i colpi di pistola, l’uomo è stato scaraventato a terra dai carabinieri e ora si trova ricoverato con una ferita alla testa all’ospedale S.Giovanni. 

13.05 – Passante ferita è donna incinta, ma non è grave - E’ stata ferita da una scheggia, probabilmente non da un proiettile, la donna soccorsa dal 118 a palazzo Chigi subito dopo la sparatoria. Si tratta di una donna incinta, che passava di lì con il marito e un altro figlio. Durante gli spari i tre sono caduti in terra ferendosi lievemente.

13.05 – Carabiniere ferito sottoposto a tac per individuare proiettile - Il carabiniere rimasto ferito alla gola a seguito della sparatoria avvenuta a Palazzo Chigi e portato d’urgenza in codice rosso all’Umberto I, sarebbe in questi minuti sottoposto a una tac per individuare la posizione del proiettile. Lo confermano all’Adnkronos Salute fonti sanitarie.

13.04 – Centro chiuso e bus deviati dopo sparatoria - Per l’intervento delle forze dell’ordine a piazza Colonna, dove davanti a Palazzo Chigi c’è stata la sparatoria in cui sono rimasti feriti due carabinieri, sono state chiuse via del Corso e via del Tritone. Linee bus deviate Venezia-Nazionale, tutta la rete del Centro è in forte ritardo. Lo comunica Agenzia per la mobilità.

12.47 – M5S: “Ferma condanna folle gesto” -  ”A nome di tutti i parlamentari del Movimento 5 Stelle esprimiamo la nostra ferma condanna per il folle gesto di violenza perpetrato poco fa davanti a Palazzo Chigi ed esprimiamo tutta la nostra solidarietà umana e civile ai tre Carabinieri in servizio ed al passante feriti. La democrazia non accetta violenza”. E’ quanto si legge in una nota congiunta dei capigruppo del M5S Roberta Lombardi e Vito Crimi a proposito della sparatoria a Palazzo Chigi.

12.44 – Luigi Preiti non ha precedenti penali - Luigi Preiti, l’uomo fermato dopo aver ferito a colpi di pistola due carabinieri, non ha precedenti penali di peso. Lo si apprende da fonti investigative. L’uomo ha agito da solo e avrebbe solo un vecchio precedente per falso e sicuramente non è considerato soggetto legato alla criminalità organizzata. L’uomo, non è dunque legato alla ‘ndrangheta, secondo quando emerge dalle prime ricerche effettuate dagli investigatori reggini. Preiti, infatti, se non per il vecchio precedente per falso, era totalmente sconosciuto agli investigatori.

12.37 – Alemanno: “Feriti non in gravi condizioni” - “I due carabinieri feriti sembrano non gravi e anche la passante. E’ stato il gesto di un pazzo squilibrato”. Lo ha detto il sindaco di Roma che si trova di fronte a palazzo Chigi. “Non ci dobbiamo stupire quando si inveisce continuamente contro il ‘Palazzo’, come se fosse da abbattere”. Ai cronisti che gli chiedevano se si riferisse al Movimento 5 Stelle, il sindaco ha replicato: “Non mi riferisco a nessuno”. ”Bisogna verificare quali problemi di sicurezza ci siano stati perché cose del genere non possono accadere davanti palazzo Chigi” ha detto il sindaco di Roma.

12.36 – Sparatoria Palazzo Chigi: in corso rilievi dei Ris – I carabinieri del reparto investigazioni scientifiche stanno eseguendo i rilievi davanti a palazzo Chigi dove circa un’ora fa un’uomo ha sparato a due carabinieri. In terra ci sono ancora sei cerchi bianchi tracciati con il gesso, attorno ad altrettanti bossoli. Nei pressi della camionetta dei carabinieri, nel punto dove uno dei due carabinieri è stato colpito, c’è invece una macchia di sangue. Tutti gli accessi a piazza colonna sono bloccati dalle forze dell’ordine.

12.35 – Ministro Cancellieri: “Fatto inquietante” -  Anna Maria Cancellieri ha espresso grande preoccupazione per la sparatoria a Palazzo Chigi. “E’ un fatto inquietante. Sembra si sia trattato di uno squilibrato”, ha spiegato il ministro della Giustizia, uscendo dal Quirinale dopo il giuramento. Le ferite del militare coinvolto nella sparatoria “mi dicono che non destano preoccupazioni”, ha spiegato. “Non c’e’ ancora nulla di certo, ma penso e spero ardentemente che si sia trattato di un fatto isolato”, ha spiegato.

12.32 – Carabinieri feriti sono un brigadiere e un appuntato - Sono un brigadiere e un appuntato i due carabinieri feriti da un uomo di 49 anni che ha sparato davanti a Palazzo Chigi. Il brigadiere è stato ferito al collo mentre l’appuntato è stato colpito ad una gamba. Entrambi non sono in pericolo di vita.

12.31 – L’attentatore ai carabinieri: “Sparatemi, sparatemi!” - Si sarebbe rivolto ai carabinieri con “sparatemi, sparatemi” l’uomo che ha ferito due militari del Battaglione in servizio davanti al Palazzo del Governo. Secondo quanto si apprende, sono stati sei i colpi esplosi da Piazza Colonna verso Montecitorio. Probabilmente con una calibro 22. L’uomo è stato immediatamente immobilizzato a terra dai carabinieri e sarebbe rimasto ferito durante la colluttazione. Ora sarebbe stato trasferito nella caserma di Via In Selci. Davanti alla sede del Governo nella quale è prevista alle 13 il passaggio di consegne tra i due Esecutivi è a lavoro la scientifica. I cronisti sono tenuti a debita distanza dalla scena della sparatoria.

12.25 – Attentatore accusato di tentato omicidio - E’ accusato di tentato omicidio, porto e detenzione di armi, l’uomo che ha sparato poco fa davanti a palazzo Chigi ferendo due carabinieri. Il pubblico ministero di Roma Antonella Nespola ha già chiesto al gip la convalida del fermo. L’uomo sarà interrogato tra domani e dopodomani. Nel frattempo sono stati disposti accertamenti per definire il profilo dell’attentatore e non è escluso che possa essere decisa anche una perizia medico legale per valutare le sue condizioni di salute.

12.24 – Alfano in ospedale da carabinieri feriti – Il neo ministro dell’Interno Angelino Alfano si sta recando all’ospedale Umberto I di Roma, dove è ricoverato uno dei carabinieri feriti durante la sparatoria a P. Chigi.

12.23 – L’uomo che ha perto il fuoco sarebbe un calabrese di 46 anni – L’uomo che ha sparato davanti a palazzo Chigi – secondo quanto apprende l’ANSA – è un calabrese di 46 anni, con domicilio in Piemonte e sarebbe affetto da patologia psichiatrica.

12.20 – Cdm anticipato alle 13 causa sparatoria - “Abbiamo anticipato il Consiglio dei ministri alle 13, abbiamo la necessità di compiere tutti gli atti formali necessari per partire, e dopo il presidente del Consiglio e il ministro dell’Interno andranno a seguire la situazione da vicino”. Lo ha detto Maurizio Lupi, lasciando il Quirinale, dopo il giuramento del governo, a proposito del programma della giornata in seguito alla sparatoria davanti a Palazzo Chigi. Il neo ministro ha spiegato che un primo punto sulla situazione è stato fatto già al Quirinale con il presidente del Consiglio e i ministri competenti.

12.18 – Forze dell’ordine non hanno usato armi - Le forze dell’ordine presenti apalazzo Chigi non hanno fatto uso delle armi. Lo hanno riferito all’ANSA fonti investigative. Lo sparatore è rimasto ferito durante una colluttazione mentre tentava di fuggire.

12.16 – Napolitano chiama i ministri in Sala Specchi - Il Capo dello Stato Napolitano, il premier Letta e i ministri del nuovo governo sono stati informati della sparatoria davanti Palazzo Chigi solo al termine della cerimonia di giuramento. I giornalisti tenuti a distanza hanno provato a fare domande ai ministri. In particolare veniva chiamato Alfano in quanto nuovo responsabile degli Interni. I ministri, sconcertati per la notizia, si sono ritirati nella sala degli specchi dove era previsto un ricevimento. Non è dato sapere cosa sia avvenuto, ma si può ipotizzare che si sia svolto un primo inedito Cdm di emergenza. 

12.14 – Sparatore ferito in colluttazione - L’uomo che ha sparato davanti a palazzo Chigi contro i carabinieri è rimasto ferito non da colpi di arma da fuoco, ma durante una colluttazione con le forze dell’ordine per la sua cattura. Lo hanno riferito fonti investigative all’ANSA.


Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. E' necessario attenersi ai Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Per alcuni giorni, a causa di ragioni tecniche, tutti commenti andranno in pre moderazione. Inoltre, chi posterà più volte lo stesso commento (anche se con parole diverse) verrà segnalato. Ti avvisiamo che verranno pubblicati solo i commenti provenienti da utenti registrati. La Redazione