Matematico, logico, filosofo, scienziato, saggista, divulgatore. Negli anni, Piergiorgio Odifreddi ha cumulato titoli, premi, onorificenze; ha un notevole successo editoriale ed è piuttosto famoso anche nei media. Ma essendo una persona schietta e diretta che, seppure con una buona dose di ironia e una innata gentilezza, non si fa alcun problema a dire ciò che pensa, si è creato anche molte “antipatie”.

È soprattutto per queste, più che per i meriti riconosciuti, che mi sono permesso di chiamarlo a tenere una conferenza in un ambiente particolare come Rebibbia. Inutile dire che, dimostrando ancora una volta sensibilità e generosità fuori dal comune, il professore ha accettato l’invito.

Per accorciare le distanze con l’uditorio, ha voluto raccontare la strana vicenda che lo vide prigioniero in Siberia, ostaggio dell’URSS e oggetto di un intricato scambio di spie. Ma la sua biografia partiva già con un abbandono del seminario e, secondo qualcuno, del seminato.

Uno degli episodi più recenti e più eclatanti che l’ha visto protagonista è quello della censura del suo blog su repubblica.it per aver proposto un paragone tra le atrocità che gli ebrei subirono dai nazi-fascisti e quelle che gli israeliani stanno perpetrando contro i palestinesi. Ne sono emersi il ritardo e l’inadeguatezza che possono allignare anche nei media che siamo abituati a considerare progressisti e illuminati.

Odifreddi non è certo di destra e andrebbero considerati “demeriti” anche altri contrasti con l’area politico-culturale di suo riferimento. Il Pd, al termine di un rapporto controverso, è stato abbandonato per una sospetta “deriva clericale”. Se pensiamo non solo alle Binetti d’epoca o gli “atei devoti” come Rutelli con appendice Lusi, ma anche ai Fioroni, Gentiloni, Letta e ai D’Alema-Veltroni in Piazza San Pietro, risulta difficile dargli torto. In tv, a quel che si narra, ha avuto scontri non solo con Zichichi, Gelmini,La Russa, il che ci può stare (anzi!), ma anche con Cacciari e Vattimo, che sono considerati punti di riferimento di una certa area.

L’ultima, ma non ultima, bollatura subita dal nostro professore è stata quella di chi ha voluto trovare in lui l’incarnazione dell’anticristo, la figura preconizzata dal versetto dell’apocalisse del vangelo secondo Giovanni. Per il presidente dell’Unione atei e razionalisti è veramente il più ambito dei risultati.

Scherzi a parte, l’insegnamento che non solo i detenuti-studenti ma anche tutti noi, dentro e fuori, abbiamo ricevuto da questa giornata, è che si può essere sinceri, andare fieramente controcorrente, infrangere totem e tabù, e allo stesso tempo rimanere una figura di spicco del panorama nazionale e internazionale. L’importante è avere la capacità di argomentare razionalmente le proprie opinioni e mantenere rispetto, educazione e quel filo ininterrotto di ironia che è la caratteristica principale di persone come Odifreddi.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Miss Italia addio. Rai: “Costa troppo. Quasi quanto il Festival di Sanremo”

next
Articolo Successivo

Pulitzer 2013, vincono il New York Times e lo scrittore Adam Johnson

next