Fratelli d’Italia ce la fa e si costituisce in gruppo autonomo alla Camera. E’ stato deciso nel corso dell’Ufficio di presidenza di Montecitorio, che ha così concesso la deroga al regolamento che prevede che per la formazione di un gruppo occorra essere almeno in 20 deputati. Il Movimento 5 Stelle ha votato contro. Alla base della decisione la constatazione che esiste un partito di riferimento e che alle elezioni le liste sono state presentate in tutte le 26 circoscrizioni anche se il minimo richiesto era di venti.

Era stata la presidente di Montecitorio Laura Boldrini a interessare l’Ufficio di presidenza dopo una prima richiesta del Pdl. I dubbi da parte dei Cinque Stelle erano nati dalla necessità di non far lievitare i costi. Ma questa volta – aveva precisato il deputato di Fratelli d’Italia Massimo Corsaro – la deroga non comporterebbe alcun aggravio di costi” perché “da questa legislatura è entrato in vigore un nuovo regolamento relativo ai contributi erogati dalla Camera per le spese di attività politica che non sono più commisurati all’esistenza o all’entità dei Gruppi, ma sono attribuiti (ed in misura assai ridotta) per ogni parlamentare”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Costi della politica, alla Camera stop ad alloggi di servizio e stretta sulle auto blu

prev
Articolo Successivo

Nuovo governo, Bersani da Napolitano. Grasso: “Esecutivo a tutti i costi”

next