Franco Battiato lancia un avvertimento: “Beppe Grillo sta esagerando”. Il cantautore siciliano, mentre si trovava a Parigi dove questa sera si esibirà in un concerto al teatro Olympia, ha dichiarato che “in questo momento l’Italia è veramente un Paese dilaniato“.

“In Sicilia ero sicuro che la coabitazione con il Movimento 5 Stelle avrebbe funzionato e infatti sta andando benissimo”, ha spiegato Battiato, che dal 2012 è anche assessore al Turismo e allo Spettacolo della giunta Crocetta in Sicilia. “Per quanto riguarda la formazione del governo invece non lo so, non credo che si riandrà alle urne, o almeno me lo auguro”.

E ha aggiunto: “E’ chiaro che Grillo sta un pò esagerando. A volte sembra che stia per cedere un minimo ma poi le frasi sono sempre quelle. E’ certo che la destra italiana è una cosa che non appartiene agli esseri umani”. Secondo Battiato, Gianroberto Casaleggio è invece come il cardinale Richelieu “perché sta dietro le quinte, è uno che manovra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grillo, i commenti e gli schizzi di merda (e di democrazia)

next
Articolo Successivo

Movimento 5 Stelle, se la democrazia diretta online diventa “merda digitale”

next