Domenica scorsa, durante la trasmissione di Massimo Giletti, “L’arena”, Gianni Ippoliti ha lanciato una proposta surreale: far parlare i politici senza guardarli in faccia, di spalle, proprio come i giudici di “The Voice, e schiacciare il pulsante – l’equivalente di un sonoro “mi piace” – quando ci convincono. Bell’idea. Se non altro eviterebbe di guardare le solite facce che, anche in questo desolante dopo-elezioni, si succedono senza posa da una rete televisiva all’altra. Con gli stessi discorsi. Come se in questi mesi non fosse successo niente.

Ma i soliti leader sarebbero subito riconoscibili dalla loro inconfondibile “voice” e quindi dovrebbero ricorrere a ignoti e composti portavoce.

Perché, siamo proprio sicuri che le proposte, in perfetto politichese, non siano le stesse? Stesse parole, stessi contenuti di prima, ma con accenti diversi. In sostanza nessun cambiamento, il che si traduce in una riconferma della sfiducia dei cittadini nella politica. Purtroppo per Ippoliti e per il suo originale tentativo di voltare le spalle alle solite facce, il risultato non sarebbe diverso.

Come se la caverebbe Bersani (o il suo “avatar”) sulla questione del finanziamento pubblico ai partiti? Ora che Beppe Grillo gli ha ammannito una dichiarazione bell’e pronta di rinuncia all’incasso e gliel’ha servita su un piattino avvelenato quanto basta, l’unica voce che si sia levata, da quelle parti, contro il finanziamento ai partiti è di Matteo Renzi. L’unica fuori dal coro, ma anch’essa ben riconoscibile.

Certo è che nella società italiana emergono esigenze di un cambiamento radicale, che mettono in discussione le vecchie modalità di fare politica. Non è più una questione di faccia. Adesso è il momento dei “Signori-Nessuno” e della speranza riposta nella normalità, anzi, nell’ipernormalità del cittadino comune.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Lega, consiglio federale respinge dimissioni di Roberto Maroni

next
Articolo Successivo

Riusciranno i nostri eroi a dichiarare ineleggibile l’ineleggibile B.?

next