Una scossa sismica di magnitudo 3.1 a 7.2 km di profondità è stata registrata la notte scorsa poco dopo le 3 nella zona dell’Appennino forlivese, con epicentro in località Crespino del Lamone vicino a Marradi. La scossa è stata avvertita dalla popolazione, ma dalle verifiche effettuate dagli uomini della Protezione Civile non si segnalano danni a persone o cose.

La scossa della scorsa notte è solo l’ultima di undici accadute sull’Appennino tra le provincie di Modena, Bologna e soprattutto Forlì, come riportato dal sito web dell’Ingv http://cnt.rm.ingv.it/. Solo la notte appena passata un altro lieve sommovimento della terra è avvenuto alla profondità di 58 chilometri con magnitudo 2.3 tra Pavullo nel Frignano e Serramazzoni (Modena).

Gli altri episodi più recenti nell’area dell’Appennino forlivese sono avvenuti tra la notte e la mattina del 4 marzo: il primo alle 4.53 e alle 8.24, rispettivamente magnitudo 2 e 3.4, a 9 e 10 chilometri di profondità sempre tra Marradi e Palazzuolo sul Senio.

Il 3 marzo, invece, a pochi chilometri in linea d’aria dalla val Senio la terra ha tremato tra Firenzuola (in provincia di Firenze) e Monghidoro (Bologna) per ben quattro volte: alle 4.50, 6.08, 15.57, 17.44, con profondità attorno ai 10 chilometri e con magnitudo tra il 2 e il 2.1.

Sempre sull’Appennino bolognese, sempre la notte del 3 marzo tra le 3.48 e le 4.30, con tre scosse tra Castel del Rio, Firenzuola e Monterenzio. La prima delle tre con magnitudo 3.1 (le altre 2.1) e una profondità rispettivamente di 11.5, 21.9, 9.7 chilometri. Ad ognuna delle 11 scosse non sono seguiti danni a persone o cose.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ravenna, minacce di morte e svastiche sull’auto del consigliere 5 Stelle

next
Articolo Successivo

Crac Coopcostruttori, quando Bersani disse ai soci: “Qui non è come la Parmalat”

next