The Summit, l’orrore senza fine del G8 di Genova Non solo il come, ma il perché del G8 di Genova. Oltre la cronaca e la storia, Franco Fracassi e Massimo Lauria reinquadrano i black bloc e gli infiltrati, Piazza Alimonda, la Diaz e Bolzaneto, ma se l’occhio ha la sua parte ancor di più la testa. Informato e poderoso, il doc dà voce ai manifestanti, i giornalisti e le istituzioni, intervista parlamentari, sindacalisti di polizia, generali e comandanti, indaga sul coordinamento dell’intelligence internazionale e la storia del movimento black bloc.

Non solo, gli autori – oggi a Genova per l’anteprima al Cinema America, domani a Milano alla Sala Memoria – ricostruiscono il “massacro messicano” del giornalista di Indymedia Mark Covell, che indica i suoi carnefici, ed evidenziano i lati oscuri della morte di Carlo Giuliani. Molto, tutto è cambiato dopo quel G8, e con The Summit afferriamo qualche ragione: democrazia (irrimediabilmente?) sospesa, guerra di mondi e di modelli di mondo, il morto utile per ammazzare il cambiamento. Accanto a Diaz di Vicari e le tante video-testimonianze del G8, dunque, un memento democratico e un appello alle nostre coscienze, perché l’oblio è il primo passo della colpevolezza. Agghiacciante il finale, con un maresciallo che chiosa: “Uno a zero per noi”. Quell’uno era Carlo Giuliani.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manoscritti/18: racconti di Walter Marinello

next
Articolo Successivo

Francesco d’Assisi. Per Liliana Cavani simbolo del rifiuto all’omologazione

next