Non si nasconde dietro un dito Gabriele Salvatores: “Puntavamo al concorso, e ci sarei andato volentieri”. Viceversa, Educazione siberiana, dal 28 febbraio nelle nostre sale, non è stato preso dal Festival di Berlino, a differenza de La migliore offerta di Tornatore, seppur finito nella sezione minore Berlinale Special. Non sono note a margine, bensì il cuore del problema: budget di 9 milioni di euro, location in Lituania, lingua inglese e un attore del calibro di John Malkovich (il nonno criminale Kuzja), l’adattamento del controverso best-seller di Nicolai Linin nasce e cresce con tutti i crismi dell’internazionalità. Almeno sulla carta, ma se un festival come Berlino non l’ha preso? Marco Chimenz, produttore con Cattleya, fa spallucce: “Andare in competizione non è essenziale, l’importante è il mercato, e tra Berlino e Cannes lo venderemo dappertutto. E, ahimè, ricordiamoci di Cesare deve morire: nemmeno l’Orso d’Oro ha avuto impatto in Italia e nel mondo”. Da parte sua, Salvatores (si) loda “un progetto inusuale per l’Italia, il film tra i miei che preferisco” e allarga il campo: “Proviamo a pensare l’Europa in modo culturale, non solo allo spread”.

Vedremo che ne penserà il pubblico di questa Educazione, che tra gli onesti criminali siberiani si riscopre sentimentale, con l’amicizia tra i giovani Kolima (Arnas Fedaravicius) e Gagarin (Vilius Tumalavicius) spaccata dalla caduta del Muro di Berlino (solo una coincidenza?): “In Italia – osserva Salvatores – oggi muoiono soprattutto donne e giovani: significa cancellare il futuro, io sarei per la pena di morte per chi uccide i bambini”. Se non scorrerà il sangue al box office, avrà ragione Riccardo Tozzi (Cattleya): “Oggi non si salva nessuno, l’unica eccezione è per i film italiani in inglese con attori stranieri: This Must Be the Place, Venuto al mondo, La migliore offerta”.

Altrimenti, bisognerà cambiare la battuta clou di Educazione siberiana: da “Un uomo non può possedere più di quello che il suo cuore può amare” a “Un uomo non può vedere più di quello che il suo portafoglio può spendere”.

Il Fatto Quotidiano, 23 Febbraio 2013

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nel Paese del Reale. “Italia Doc”

prev
Articolo Successivo

“Educazione siberiana come C’era una volta in America di Leone”

next