Marta sui Tubi al 63esimo Festival della canzone italianaSi diceva: Sanremo quest’anno cambia, quest’anno ci sono le canzoni, la qualità. Poi leggi la classifica provvisoria di ieri sera, che vale per il 25% del computo complessivo ed che è espressa solo dal pubblico televotante (non dalla giuria di qualità), e ti ritrovi nelle prime posizioni: Mengoni, Modà, Annalisa. C’è qualcosa che non va? No, è tutto nell’ordine delle cose. E’ assolutamente normale, nonostante i fischi (che non fanno testo) della platea, che quello fosse il risultato.

A cambiare, logicamente, è stata l’offerta musicale presentata, non di certo il pubblico. Quindi le giovani orde di fan pronti a votare compulsivamente i loro idoli hanno continuato a farlo. Così idem i papà, le mamme e i parenti tutti. Insomma, il gusto non è cambiato. I Marta sui tubi saranno sempre ultimi, gli Almamegretta sempre penultimi e così via. Né più né meno che una vera e propria classifica al contrario (sorpende solo la posizione così bassa per Malika Ayane ed Elio e le Storie Tese, forse).

Che il podio sia espressione dei talent show alla Maria De Filippi o alla squadra di X-Factor non deve sorprendere, quanto far riflettere. L’alternativa? Eliminare i talent. E non è possibile. Oppure, fattibile, cambiare il meccanismo di voto, far pesare di più il peso della giuria di qualità. Che non è composta (solo) da vecchi muffosi che adorano solamente il cantautorato vecchia scuola, ma che almeno vivono una realtà musicale molto frastagliata, e che magari va anche al di là dell’Amici di turno. Quella di quest’anno è una situazione simile a quella che si verificò proprio nel 2000, prima però che ci fossero i talent. Lì sbaragliarono la concorrenza gli Avion Travel con la fantastica ‘Sentimento’ grazie proprio al voto della giuria di qualità. Speriamo per domani sera in un nuovo miracolo.
 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nuove Proposte #7: MiSaCheNevica

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2013, Maggio vince tra i giovani. Boom di ascolti per la serata storica

next