E’ Ernst von Freyberg il nuovo presidente dell’Istituto per le Opere Religiose. Nato il 26 ottobre del ’58, avvocato con robusta formazione finanziaria, appartenente all’ordine dei Cavalieri di Malta. La nomina di von Freyberg, l’ultima durante il pontificato di Benedetto XVI, anticipata all’Adnkronos da autorevoli fonti vaticane, arriva dopo circa nove mesi dall’addio di Ettore Gotti Tedeschi al vertice della banca vaticana. Il tedesco è laureato in legge all’università di Monaco e Bonn. E’ fondatore della Daiwa Corporate Advisory GmgH. Il nuovo direttore dello Ior è stato selezionato dalla società Spencer & Stuart. Von Freyberg è uno dei leader dell’Associazione per i pellegrinaggi a Lourdes dell’Arcidiocesi di Berlino. E’ membro attivo del Sovrano Ordine Militare di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta.

La notizia arriva peraltro dopo un giallo che ha caratterizzato la giornata di ieri, quando la stessa Adn aveva indicato nel belga Bernard De Corte il successore di Gotti, salvo poi ricevere una smentita dal capo della sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sardegna, “sequestrato un indipendentista”. La rivendicazione: “Ritirate la lista Meris”

prev
Articolo Successivo

Comuni a lezione di buona politica: riparte la Scuola di Alt(r)amministrazione

next