“Cosa tirerete fuori dal cilindro per il vostro amore domani? Che emozione!”. Lei, Reeva Steenkamp, la fidanzata di Oscar Pistorius, a festeggiare il giorno degli innamorati non ci è arrivata. E’ stata uccisa proprio dal suo compagno, l’atleta paralimpico sudafricano Oscar Pistorius, con quattro colpi di pistola di pistola. E il suo ultimo tweet, scritto ieri e dedicato al giorno di San Valentino, ora suona come un tragico scherzo. Come uno degli ultimi post sulla sua pagina Facebook intitolato “gioie dell’amore”: “E’ bello quando trovi qualcuno che sia innamorato della tua mente. Qualcuno che vuole parlare alla tua coscienza e far l’amore con i tuoi pensieri. Qualcuno che vuole guardarti mentre lentamente butti giù i muri che ti sei costruito e li lasci entrare”.

Tra le 100 donne più sexy del mondo, la ventinovenne Reeva era nata a Cape Town ma cresciuta a Port Elizabeth. Laureata in legge alla Nelson Mandela Metropolitan University, si era trasferita a Johannesburg per lavorare come modella e presentatrice. “Era una studentessa intelligente, motivata, gentile con tutti. Aveva un buon rapporto sia con i docenti che con i suoi coetanei”, ha raccontato il preside della sua scuola superiore, la St Dominic di Port Elizabeth. Ottimi voti, Reeva era anche impegnata in diversi sport, tra cui hockey e nuoto. “La famiglia è distrutta per la perdita della figlia”, ha aggiunto il preside. Dolore è stato espresso anche dall’agenzia per cui lavorava la modella, la “Capacity relations”, e dalla trasmissione “Tropika island of treasure” (una sorta di Isola dei Famosi sudafricano, ndr), di cui Reeva era una concorrente.

Appassionata di macchine e cucina, sul suo profilo Facebook si descriveva come “modella sudafricana, ragazza copertina per Fhm, concorrente del programma “Tropika island of treasure”, laureata in legge e ambasciatrice”. La fidanzata di Pistorius era infatti anche testimonial per una campagna contro gli stupri dedicata a Anene Boysen, una ragazza di 17 anni brutalmente violentata e poi morta di agonia a causa delle tremende ferite inferte. Solo quattro giorni prima di essere uccisa, Reeva a questo proposito aveva postato sulla sua pagina Facebook: “Stamattina mi sono svegliata in una casa sicura e felice. Non a tutti capita. Solleva la tua voce contro gli stupri in Sudafrica”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

One billion rising, un flash mob per “sollevarsi” contro la violenza sulle donne

next
Articolo Successivo

“Questo non è amore”, in un libro le storie delle donne in lotta contro la violenza

next