Simone Di Stefano, candidato con Casa Pound è stato invitato ed è intervenuto ad una riunione dei giovani democratici di Latina, sciorinando anche un bel pippone sul programma elettorale dei neofascisti. Non è la prima volta che i Giovani Democratici partecipano, insieme a Casapound ad un’iniziativa, l’ultima volta fu in Campania, Valerio Pisaniello (Pd) partecipò ad un convegno organizzato dai neofascisti a Cervinara.
L’episodio fece scalpore, tanto da mobilitare l’Anpi che dichiarò: “Un gravissimo errore, con la loro disponibilità Pisaniello e Mauriello hanno pesantemente offeso i sentimenti antifascisti degli iscritti ai rispettivi partiti, compromettendo anche la propria dignità di rappresentanti democratici.”, dietrofront da parte dei dirigenti giovanili campani, con Grimaldi che bacchettava Pisaniello (e per fortuna, insomma).
 
E’ giusto dialogare con gente che ha al suo interno persone che inneggiano al duce e ai camerati? 
Nascondono forse le loro radici i ragazzi di Casa Pound? A quanto pare no”.
Scattano querele se li si chiama neofascisti? «Preferirei fascisti del terzo millennio, perché neofascisti mi richiama più una immagine legata agli anni Settanta. Comunque non mi sentirei male neppure in quella definizione», risponde De Metri. Medesimo discorso sui rapporti tra gruppo linguistici in Alto Adige: «Noi siamo quelli che hanno organizzato la manifestazione a favore dei monumenti fascisti. Vogliamo difendere la cultura italiana in Alto Adige, che è fatalmente legata al fascismo, visto che a quegli anni risale il radicamento della comunità italiana in Alto Adige. Siamo così e non lo rinneghiamo. Altrimenti ce ne staremmo a casa». Invece si stanno allargando, probabilmente riempiendo spazi lasciati vuoti.
 
Facciamo attenzione: il fascismo è come la mafia: una mentalità subdola, strisciante, corrotta che si nutre di ignoranza e paura. È una cultura che ci riguarda e che non si estrinseca solo negli estremismi. Invocare il leader forte, creare proselitismo, creare la paura per l’extracomunitario, il gay, essere sessista. Tutto questo è fascismo e tanto altro. Il fascismo non è solo un fatto storico, è un’aberrazione culturale a prescindere dai contenuti del programma di Casa Pound il problema è il contenitore di quelle idee. Anche Mussolini aveva un programma con buone idee socialiste ma ricordate bene la deriva e la fine che ci ha fatto fare. Come Berlusconiquesta gente si mette addosso del cerone  per mascherare chi è davvero. Ricordiamolo.

Nella Napoli del 2010/11, a quando risalgono le intercettazioni della magistratura  c’erano ragazzi di Casa Pound pronti a incendiare negozi e stuprare ragazze ebree. Durante la  recente perquisizioni nella sede del movimento (in cui si discutevano, sempre secondo gli inquirenti anche le teorie del Mein Kampf) sono stati sequestrati coltelli e mazze.

Nelle intercettazioni due ragazzi progettano di incendiare un negozio di un orafo di origini ebree:

a: ”Me lo vado a vendere. Le vecchiette, i laccettini d’oro che scippo me lo vado a vendere. Mi fanno il prezzo buono, mi fanno”.
b: ”Ha la kippah (copricapo ebraico, ndr) in testa”.
a: ”Vogliamo appicciare (bruciare, ndr) il negozio?”, quindi definisce l’orafo ”un sionista di m…proprio” e asserisce che gli ebrei ”di spirituale hanno ben poco”.
Ma tra di loro parlavano anche di ipotetici stupri a studentesse ebree:
a:“Da me in facoltà c’è una ebrea che non la tocca nessuno, non la guardano…”
b: “Ma è bella?”
a: “Ma no, un cesso”
b: “Ma se tu vedi passa e la salutano tutti, gli arabi che la salutano con rispetto, si con rispetto. mi sta facendo stizzire troppo…Io a questa qua la devo vattere (picchiare) o la picchio o la stupro e le faccio uscire il sangue dal c…”
a: “Però, davanti a tutta la facoltà…”
C’è invece qualcuno che dice no ai neofascisti: 
“Sono orgogliosamente antifascista”. Sono queste le parole di Sandro Ruotolo, il candidato Presidente di Rivoluzione Civile alla Regione Lazio, quando ha spiegato il suo rifiuto di stringere la mano al candidato di Casapound, Simone Di Stefano, proprio prima di partecipare alla tribuna elettorale del Tgr Lazio insieme agli altri candidati. 
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sallusti, dal metodo Boffo al metodo Giannino: “Aveva un gatto aggressivo”

prev
Articolo Successivo

La proposta di Cecchetti (Lega): aiutare lavoro e imprese tassando la prostituzione

next