Il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, è stato duramente contestato a Firenze da un gruppo di studenti, che lo hanno costretto a interrompere la sua lectio magistralis. In seguito, grazie all’intervento delle forze dell’ordine, il governatore è riuscito a riprendere il suo discorso. Nella prima parte, Visco aveva sottolineato che il 2013 “sarà un anno difficile” e che, con il dispiegarsi delle riforme nazionali, lo spread potrebbe ridursi ancora.

Visco ha sottolineato l’importanza di risanare i conti pubblici, condizione necessaria, a suo dire, per far tornare la fiducia dei mercati. “L’incertezza delle condizioni sui mercati finanziari, legata alle tensioni sui debiti sovrani, riduce la fiducia, disincentiva l’investimento e l’innovazione”. Il governatore ha ribadito che l’Italia, al di là della congiuntura favorevole, “deve trovare le motivazioni e gli incentivi per affrontare con decisione il problema della crescita”. Una crescita che può realizzarsi solo attraverso un pacchetto organico di riforme, i cui punti fondanti sono le liberalizzazioni nell’accesso ai mercati, il sostegno dell’accumulazione di capitale umano e fisico e la riduzione degli ostacoli burocratici, ma anche il contrasto all’evasione fiscale e alla corruzione.

Il governatore ha ricordato che anche in futuro la flessibilità “sarà essenziale” e ha invitato gli studenti che lo contestavano a leggersi la relazione di Bankitalia. Infine ha ribadito il concetto: la ripresa che consentirà all’Italia di uscire dalla crisi sarà comunque “lenta e difficile”. E che la crescita, per quanto legata sicuramente ai capitali, passerà anche attraverso la formazione di capitale umano, in un modo differente rispetto al passato: “Dobbiamo formare persone diverse – ha concluso – e creare lavori diversi”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chi paga i costi del traffico

next
Articolo Successivo

Paradisi fiscali, le Cayman studiano un registro pubblico dei fondi

next