Mi dispiace parlare per due post di seguito di qualcuno della mia famiglia (Char e mio padre nel post precedente), ma devo essere fedele a quel che è accaduto. Mio figlio adolescente mi ha fatto ascoltare un disco di un gruppo inglese, si chiamano Alt-J. C’è una canzone che mi ha colpito, il suo titolo è Taro. Ascoltandola sentivo una nostalgia strana, priva di oggetto, come se avessi perso qualcosa di grande, ma non riuscivo a dire cosa esattamente. L’ho sentita e risentita.

Poi mio figlio mi ha fatto ascoltare un’intervista agli Alt-J nel cd annesso all’album, bellissimo, il cui titolo è An Awesome Wave. Parlavano di questa canzone in un inglese molto rapido e sono riuscita a capire che Taro era lo pseudonimo della fotogiornalista Gerta legata a Robert Capa, il fotografo che conoscevo soprattutto per la foto del miliziano ferito a morte e degli scatti immortali dello sbarco in Normandia. Sono andata su Internet e ho scoperto una storia che forse molti di voi sanno, ma che ignoravo.

capa-taroGerta Pohorylle e il fotografo ungherese André (o Endre) Friedmann si incontrano e si innamorano a Parigi nel 1934; lui è un giovane fotografo di 20 anni, scappato per ragioni politiche dall’Ungheria fascista di Horthy, lei una ebrea tedesca di Stoccarda di 24 anni. Sono giovani esuli, squattrinati e belli, soprattutto Gerda, comunista, appassionata e coraggiosa, già stata in galera per questioni politiche. André la inizia alla fotografia e lei lo aiuta a non sprofondare nell’alcool. Per piazzare più facilmente le loro fotografie e aggirare i pregiudizi razziali già solidi nella Francia degli anni Trenta, decidono di fondersi in una sola firma e si inventano un fantomatico fotografo americano di nome Robert Capa. Allo scoppio della guerra civile spagnola, nel 1936, Gerta e André partono al seguito della forze repubblicane, documentando i momenti più intensi della guerra. Gerta assume il nome di Gerta Taro. Poi un giorno, in seguito a un bombardamento di aerei nazisti sulla coonna delle truppe repubblicane Gerta con le sue macchine fotografiche finisce sotto i cingoli di un tank amico. Ha 26 anni; lotta inutilmente molte ore contro la morte, con il corpo letteralmente spezzato in due.

Per Friedman l’unico modo per sopravvivere a questo dolore è continuare a fare il suo mestiere, mantenendo il nome di Robert Capa. Nel 1947 fonda con Henry Cartier Bresson l’agenzia fotografica Magnum e partecipa alle imprese più rischiose, con il segreto desiderio di raggiungere Taro. Succederà nel 1954 in Indocina, quando salterà su una mina. Aveva 44 anni ed è rimasto il primo e il più grande fotocronista di guerra che sia esistito.

Come un libro, questa canzone degli Alt-J ha sprigionato una storia e allora mi dico che forse quella nostalgia avvertita proveniva dalla maestria di questi giovani musicisti di raccontare una giovinezza spezzata, di dare voce a una passione talmente possente da essere rimasta impigliata nella trama invisibile del tempo. Tempo e miti che loro hanno saputo trasformare in musica. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La musica del 2012: il meglio (e il peggio)

next
Articolo Successivo

2012 in musica. La critica assegna i premi

next