Vorrei rilanciare una bella iniziativa che si svolgerà a Venezia il prossimo sabato, iniziativa più che mai importante, visti gli avvenimenti degli ultimi giorni.

Sabato 15 dicembre a Venezia alle ore 18, al Teatro Malibran, la delegazione provinciale dell’Associazione Agende Rosse con il sostegno della Presidenza del Consiglio Comunale di Venezia, ospiterà, in un dibattito intitolato Mafia e Stato – convivenza e connivenza, Antonino Di Matteo, Pubblico Ministero nel processo sulla trattativa che si sta svolgendo al Tribunale di Palermo.

La sua sarà la testimonianza di un magistrato che con grande fatica e coraggio sta proseguendo il cammino di accertamento di una verità basilare per la storia nazionale degli ultimi venti anni. Una testimonianza particolarmente preziosa in un momento delicatissimo di quel processo esposto ai contraccolpi della sentenza della Corte Costituzionale sul conflitto di attribuzione.Il grande e antico teatro veneziano che lo ospiterà contiene più di ottocento posti.Riempirlo tutto sarà una grande dimostrazione di sensibilità e di partecipazione ai temi difficili e fondamentali che sia affronteranno quella sera. Ma sarà soprattutto un modo concreto, visibile e incontestabile per dire che in tanti stiamo a fianco di magistrati come Antonino Di Matteo a difesa delle sue indagini e della sua persona.

di Federica Fabbretti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Il vero movente delle stragi del 1993

next
Articolo Successivo

Processo Ruby, Boccassini: “B. vuole dilatare i tempi per arrivare a elezioni”

next