Vorrei rilanciare una bella iniziativa che si svolgerà a Venezia il prossimo sabato, iniziativa più che mai importante, visti gli avvenimenti degli ultimi giorni.

Sabato 15 dicembre a Venezia alle ore 18, al Teatro Malibran, la delegazione provinciale dell’Associazione Agende Rosse con il sostegno della Presidenza del Consiglio Comunale di Venezia, ospiterà, in un dibattito intitolato Mafia e Stato – convivenza e connivenza, Antonino Di Matteo, Pubblico Ministero nel processo sulla trattativa che si sta svolgendo al Tribunale di Palermo.

La sua sarà la testimonianza di un magistrato che con grande fatica e coraggio sta proseguendo il cammino di accertamento di una verità basilare per la storia nazionale degli ultimi venti anni. Una testimonianza particolarmente preziosa in un momento delicatissimo di quel processo esposto ai contraccolpi della sentenza della Corte Costituzionale sul conflitto di attribuzione.Il grande e antico teatro veneziano che lo ospiterà contiene più di ottocento posti.Riempirlo tutto sarà una grande dimostrazione di sensibilità e di partecipazione ai temi difficili e fondamentali che sia affronteranno quella sera. Ma sarà soprattutto un modo concreto, visibile e incontestabile per dire che in tanti stiamo a fianco di magistrati come Antonino Di Matteo a difesa delle sue indagini e della sua persona.

di Federica Fabbretti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il vero movente delle stragi del 1993

prev
Articolo Successivo

Processo Ruby, Boccassini: “B. vuole dilatare i tempi per arrivare a elezioni”

next