Aveva perso le elezioni per un solo voto. Sette mesi dopo il Tar della Lombardia ha cambiato le sorti delle amministrative di Meda, assegnandogli la poltrona di primo cittadino. Così il leghista Giorgio Traveggia è diventato sindaco grazie a una sentenza. Come era immaginabile, alla vista del risultato del ballottaggio (3866 voti contro 3867), il candidato ha presentato ricorso al tribunale amministrativo per cercare di ottenere in tribunale quello che gli era stato negato sul campo. Il ricorso, che chiedeva il riconteggio di quattro schede contestate in tre diversi seggi, gli ha dato ragione.

I voti non attributi durante lo spoglio di maggio sono stati conteggiati, ribaltando il risultato elettorale, tanto da scalzare dal suo posto il sindaco del Pd Gianni Caimi e tutta la sua giunta. La notizia è ormai ufficiale anche se per il vero cambio di poltrona occorrerà attendere che l’iter della giustizia compia il suo corso. Dopo la pubblicazione della sentenza pronunciata ieri, 5 dicembre, Gianni Caimi (che nel frattempo ha raggiunto la celebrità mediatica grazie a un intervento in cui ha attaccato duramente Alessandra Mussolini) avrà tempo di presentare un controricorso che dovrà essere esaminato e, salvo diversa decisione del prefetto di Monza, solo quando sarà passato in giudicato si potrà dire definitivamente chiusa la vicenda. A tal proposito dal circolo cittadino del Partito Democratico hanno già fatto sapere di avere intenzione di ricorrere al Consiglio di Stato, per cercare una pronuncia in via definitiva sul risultato del ballottaggio della scorsa primavera: “Confidiamo che la procedura prevista in questi casi – ha detto Caimi – non rechi inutili danni alla continuità amministrativa e pertanto eviti un susseguirsi di maggioranze tra una sentenza e l’altra, impedendo ad entrambe di impostare progetti con il normale respiro di legislatura”.

Nella sezione del Carroccio, naturalmente, l’entusiasmo è alle stelle. La sensazione è quella essersi rifatti, almeno in parte, di quel micidiale cappotto che il 21 maggio scorso vide la Lega sconfitta su tutte le piazze in cui correva per la poltronissima. L’esponente leghista Giorgio Traveggia, che aveva già governato la cittadina brianzola per un mandato, pur essendo uscito a testa alta dal primo turno non era riuscito ad affermarsi nello scontro a due. Così ci fu il ballottaggio, che finì con un risultato talmente incerto da convincere Traveggia e la Lega a presentare ricorso al Tar.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Crisi governo, Napolitano: “Non lasciare andare tutto a picco”

prev
Articolo Successivo

Liste pulite, ok del governo: ora chi viene condannato decade dall’incarico

next