Vabbe’ che ormai le avevamo viste un po’ tutte: cinesi che fanno i finti giapponesi, egiziani che fanno la pizza, cinesi che si fingono egiziani che fanno la pizza, ex operai di Locate Triulzi che aprono locali Tex-Mex in franchising. Le nostre menti (e – diciamolo – anche i nostri stomaci) in fatto di ristorazione sono abituati a qualsiasi cosa, ma questa ci ha colpito davvero. Lo chef francese Guy Martin, numero uno del celebre Le Grand Vérfour, ha aperto un ristorante italiano: è il Guy Martin Italia (che fantasia!) di Rue Bréa, a pochi passi da Boulevard du Montparnasse.

Ora, sia chiaro, ciascuno è libero di fare come crede e il buon Guy dal canto suo ha ingaggiato due cuochi italiani come Fabrizio La Mantia e Michela Giusti. Quello che non ci aspettavamo è che i francesi, così fieri delle loro tradizioni culinarie di cui postulano l’assoluta superiorità sul Restodelmondo, si “abbassassero” a sfruttare proprio la cucina degli odiati cugini di oltralpe. Per i più curiosi questi sono alcuni dei piatti inclusi nella carta: burrata delle Puglie e culatello, carpaccio di manzo “alla Cipriani”, gnocchetti sardi con calamari, capperi e olive, paccheri pomodoro e ricotta, trancio di pesce spada arrosto con melanzane alla siciliana. Certo, si potrebbe anche andare a Parigi, provare e poi giudicare Martin e la sua iniziativa. Oppure con un filo di fastidio fare noi, per una volta, gli snob e dire senza tanti giri diparole: “Giù le mani dalla cucina italiana!”

di Fabio Pisanu

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fast food americani: i lavoratori protestano per le paghe da fame

prev
Articolo Successivo

Biologico, non solo gusto: gli studi dicono che fa vivere di più e meglio

next