Vabbe’ che ormai le avevamo viste un po’ tutte: cinesi che fanno i finti giapponesi, egiziani che fanno la pizza, cinesi che si fingono egiziani che fanno la pizza, ex operai di Locate Triulzi che aprono locali Tex-Mex in franchising. Le nostre menti (e – diciamolo – anche i nostri stomaci) in fatto di ristorazione sono abituati a qualsiasi cosa, ma questa ci ha colpito davvero. Lo chef francese Guy Martin, numero uno del celebre Le Grand Vérfour, ha aperto un ristorante italiano: è il Guy Martin Italia (che fantasia!) di Rue Bréa, a pochi passi da Boulevard du Montparnasse.

Ora, sia chiaro, ciascuno è libero di fare come crede e il buon Guy dal canto suo ha ingaggiato due cuochi italiani come Fabrizio La Mantia e Michela Giusti. Quello che non ci aspettavamo è che i francesi, così fieri delle loro tradizioni culinarie di cui postulano l’assoluta superiorità sul Restodelmondo, si “abbassassero” a sfruttare proprio la cucina degli odiati cugini di oltralpe. Per i più curiosi questi sono alcuni dei piatti inclusi nella carta: burrata delle Puglie e culatello, carpaccio di manzo “alla Cipriani”, gnocchetti sardi con calamari, capperi e olive, paccheri pomodoro e ricotta, trancio di pesce spada arrosto con melanzane alla siciliana. Certo, si potrebbe anche andare a Parigi, provare e poi giudicare Martin e la sua iniziativa. Oppure con un filo di fastidio fare noi, per una volta, gli snob e dire senza tanti giri diparole: “Giù le mani dalla cucina italiana!”

di Fabio Pisanu

www.puntarellarossa.it

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fast food americani: i lavoratori protestano per le paghe da fame

next
Articolo Successivo

Biologico, non solo gusto: gli studi dicono che fa vivere di più e meglio

next