Dopo ”Lenin gli fa un baffo” detto da Pier Luigi Bersani, anche Matteo Renzi interviene su Grillo affermando che “è uno che ha cambiato idea tante volte”. Frasi dette a due giorni dalle primarie e riservate al leader del Movimento 5 Stelle Beppe Grillo, reo di essere l’uomo solo al comando e di aver cambiato idea troppe volte durante la sua vita. Il segretario del Partito Democratico mette sotto la lente d’ingrandimento il meccanismo di scelta dei candidati del M5S da parte di Grillo, nel corso di un incontro in previsione delle primarie del centrosinistra, a Parma, città che dallo scorso maggio è guidata dal 5 Stelle Federico Pizzarotti.

Beppe Grillo è uno ”che ha cambiato idea tante volte”. Sono le parole di Matteo Renzi intervistato oggi pomeriggio dall’emittente umbra Radio Subasio. Il sindaco di Firenze nel suo tour per le primarie ha ricordato che “quando Grillo faceva anche il testimonial delle pubblicità delle multinazionali. Altri tempi. Ero un grande fan di Beppe Grillo – ha detto il sindaco di Firenze – e andavo a vedere i suoi spettacoli. Ricordo una volta che spaccò un computer dicendo che Internet avrebbe rovinato la vita dei cittadini. In realtà è stato poi molto intelligente perché ha utilizzato la Rete per diventare uno dei più influenti blogger italiani. Insomma – ha concluso Renzi – ha cambiato idea tante volte”.

Infine più cauto il leader di Sel e presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, che intervistato dall’Unità ha affermato: “Il Movimento 5 Stelle è una grande incognita, lo attraversano spinte molteplici. Vedremo cosa proporranno gli eletti di Grillo in Parlamento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Perché non andrò a votare alle primarie del centrosinistra

next
Articolo Successivo

Vini, regali e monasteri: le spese della Margherita nell’era Lusi

next