Tratta da Bram Stoker, la storia di Dracula 3D, da oggi in sala, è stranota: la sensuale Lucy (Asia Argento) risveglia gli istinti vampireschi del conte (Thomas Kretschmann) e a farne le spese, tra gli altri, è la malcapitata Mina (Marta Gastini). La salvezza si chiama Van Helsing (Rutger Hauer), professione cacciatore di vampiri, mentre i nudi arrivano per gentile concessione di Asia e Miriam Giovanelli.

La Transilvania ricostruita nel borgo biellese di Riccetto, un treno di cartone strappato dai fondali espressionisti, l’amore smisurato per i B–movies e la gloriosa Hammer e l’odio, of course, per l’aglio e la luce del sole: di tutto e di più in Dracula 3D, “storia d’amore e morte lontana da Twilight” firmata dal maestro Dario Argento. Il regista scopre la stereoscopia, rincara la cifra horror tra smembramenti, sangue e mostri assortiti (pure una cavalletta gigante per strizzare l’occhio al mercato orientale) e se ne frega bellamente di dialoghi e verosimiglianza.

Involontarie, fioccano le risate: la migliore? L’avevano già scelta i critici stranieri all’anteprima al Festival di Cannes 2012. E’ all’inizio, grazie a cartello che ha dell’incredibile: Dracula 3D è film di interesse culturale. Non finisce qui, è stato realizzato con il contributo del Ministero dei Beni e Attività Culturali: 300 mila euro di soldi pubblici. Questa fa meno ridere. Decisamente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Festival di Roma, il “taratiniano” Johnnie To racconta il narcotraffico in Cina

prev
Articolo Successivo

La carica dei nuovi ottimisti

next